Salernitana eliminata dalla coppa Italia

Scritto da , 26 novembre 2014
image_pdfimage_print

La Salernitana abdica. I granata detentori del trofeo perdono a Cosenza salutano la Coppa Italia di serie C. Decide un rigore di De Angelis. L’inevitabile ampio turnover condiziona la sfida del San Vito. Menichini, pensando al campionato, manda in campo una squadra completamente rivoluzionata. Si rivede in attacco mendichino ed è probabilmente la notizia più bella del pomeriggio cosentino. Al suo fianco Gabionetta, dietro Mounard ma nessuno dei due riesce ad accendere la serata granata. In difesa c’è l’esordio del giovane Penta, convocato d’urgenza dopo il forfait di Svonja. Il primo tempo è di una noia incredibile. La Salernitana si vede solo al 5′ con un tiro sbilenco di Gabionetta. Non fa certo meglio il Cosenza che magari terrà più palla ma non riesce mai a rendersi pericoloso. Al 18′ è bravo Tuia a salvare su Magli. Poi Menichini perde Pezzella e lancia Trozzo. Si gioca a ritmi soporiferi. Ritmi che potrebbero esaltare la caratteristiche di Giandonato che però si nota solo per una serie di falli e per un tiro altissimo al 37′ dopo la classica azione insistita di Gabionetta. Nel finale di tempo il Cosenza si ributta in avanti creando solo qualche mischino, ma nulla di più. Le due squadre, spaventate giustamente dall’ipotesi dei tempi supplementari, iniziano il secondo tempo con un ritmo leggermente più alto. Al 50′ ci prova De Angelis dalla distanza con Russo bravo a distendersi. Dopo un minuto Gabionetta inventa per Mendicino che solo davanti al portiere si fa respingere la conclusione. Gol sbagliato, gol subito. Al 59′ fallo di Trozzo su Tortolano e calcio di rigore Dal dischetto De Angelis batte Russo. Menichini allora inserisce l’attaccante della Berretti Cappiello al posto di Grillo nel tentativo di trovare il pareggio. Sempre a ritmi piuttosto compassati la squadra di Menichini prova a rendersi pericolosa. Al 75′ su cross di Castiglia Cappiello non ci arriva e poi Mendicino è anticipato al momento di calciare in porta. Ci prova Mendicino dalla distanza ma Ravaglia è attento e così l’occasione migliore è per il Cosenza con Sperotto che trova Sassano in area ma la conclusione termina sull’esterno della rete. L’ultima occasione è proprio per i granata al 92′ ma Tuia da pochi passi calcia malamente a lato. Finisce qui con la Salernitana campione in carica che saluta la coppa.

COSENZA-SALERNITANA 1-0
COSENZA (4-4-2):
Ravaglia; Zanini, Blondett, Magli (59′ Sperotto), Bertolucci (76′ Tedeschi); Sassano, Corsi, Criaco, Tortolano; De Angelis (65′ Calderini), Cesca. A disp.: Saracco, Arrigoni, Alessandro, Mosciaro. All.Roselli
SALERNITANA (3-5-2): Russo; Penta, Bianchi, Tuia; Grillo (63′ Cappiello), Castiglia, Giandonato, Mounard, Pezzella (35′ Trozzo, 88′ Dragonetti); Gabionetta, Mendicino. A disp: Ronchi, De Sio, Arcaleni, Dragonetti, Bruno. All: Menichini.
ARBITRO: Guarino di Caltanissetta (Pancaldo Trifirò/Vecchi)
MARCATORI: 59′ De Angelis su rigore
NOTE: Spettatori 772, una decina dei quali provenienti da Salerno, per un incasso totale di 3730 euro. Ammoniti: Tortolano (Co), Giandonato (S), Corsi (Co), Gabionetta (S). Calci d’angolo 8-1 per il Cosenza. Recupero 2′ pt, 3′ st

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->