Salernitana Calcio: chiesti tre abbreviati

Scritto da , 16 aprile 2015
image_pdfimage_print

Hanno chiesto di essere giudicati con la formula del rito abbreviato Emilio Romaniello, Antonio Melella e Vincenzo Petrillo (componenti del collegio sindacale). Ieril’udienza preliminare davanti al Gup Sergio De Luca che sarà chiamato a pronunciarsi sull’istanza presentata dai legali difensori il prossimo otto luglio. Per questa vicenda sono finiti già a processo Antonio Lombardi, Antonio Loschiavo e Francesco Rispoli.
Il processo riprenderà ad
ottobre. Ricostruendo le
vicende finanziarie della
Salernitana, le Fiamme
Gialle salernitane, sotto la
direzione del pm France-
sco Rotondo, hanno dimo-
strato la pessima gestione
della società granata, tra
cui finanziamenti a titolo
di conferimenti del Lom-
bardi in luogo del più pru-
dente strumento
dell’aumento di capitale,
che hanno contribuito, nel
periodo 2008-2011, a costi-
tuire un buco debitorio in-
sanabile, il quale – in
bilancio – è stato celato
con fatture e note di cre-
dito emesse nei confronti
di società già da anni ces-
sate.
Tale raggiro ha permesso,
nell’anno 2010, di indicare
un attivo di €. 503.261,00,
piuttosto che del reale de-
ficit societario di €.
896.739,00.
Con una simile situazione,
il Consiglio di Lega della
F.I.G.C., già per la stagione
agonistica 2010/2011, do-
veva revocare la licenza
nazionale alla “Salerni-
tana Calcio 1919 S.p.A.” e
non un anno dopo, cui si è
procrastinato lo stato di
decozione con conseguente
nocumento sul ceto credi-
torio, tra cui l’Erario.
Sotto il profilo fiscale, in
capo alla Salernitana, dato
il quadro societario po-
canzi delineato, nelle di-
chiarazioni presentate, è
stato accertato l’omesso
versamento dell’Imposta
sul Valore Aggiunto per
complessivi €. 1.896.000.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->