Salernitana, AAA: attacco cercasi

Scritto da , 27 febbraio 2017
image_pdfimage_print

di Fabio Setta

SALERNO. Tre gol nelle ultime sei partite. La Salernitana in questo girone di ritorno sta manifestando evidenti problemi a trovare la via della rete. Coda con lo Spezia, Busellato a Vicenza e Minala con il Cesena: questi gli unici tre acuti dei granata. Un netto calo di rendimento, soprattutto se paragonato alle precedenti prime cinque gare della gestione Bollini, in cui sono arrivate ben otto reti. Nel girone di andata erano stati sei i gol realizzati nel medesimo arco di partite. Se da un lato la difesa sembra aver trovato comunque maggior stabilità, con solo quattro reti subite in queste prime sei giornate di ritorno, l’attacco inizia ad essere un problema. Coda non segna dalla prima giornata di ritorno, contro lo Spezia e il suo digiuno è arrivato adesso a 494 minuti, record stagionale. Donnarumma che ha siglato l’ultimo gol contro il Perugia, nell’ultimo match del 2016 ed è a secco da 225 minuti considerato che in questo 2017 ha giocato davvero poco. Ancor più lungo il digiuno di Rosina che non va a segno prima da più di due mesi, ovvero dal match casalingo contro il Carpi ed esattamente da 562 minuti. Con questi numeri offensivi Bollini non è riuscito a ottenere il quarto risultato utile consecutivo: il record stagionale resta quindi nelle mani di Sannino, imbattuto per cinque turni dall’ottava alla dodicesima. Il bilancio della gestione Bollini è ora di quattro successi, cinque sconfitte e due pareggi per un totale di 14 punti in undici gare con una media punti di 1.27, superiore a quella ottenuta da Sannino che ha chiuso l’esperienza a Salerno con 18 punti in sedici gare, con una media di 1.12. Otto i punti ottenuti nel girone di ritorno dai granata, due in più, rispetto al girone d’andata, quando dopo sei gare la Salernitana era ferma a quota sei, mentre sono sette i punti in più rispetto alla scorsa stagione dopo le prime 26 giornate di campionato . Anche contro il Trapani, la Salernitana, unica in cadetteria, non ha avuto rigori contro. L’ultimo penalty fischiato contro i granata risale al 24 aprile 2016 all’Arechi contro il Livorno. Da allora 31 partite di regular season senza rigori a sfavore. Ai granata, inoltre, non è riuscito di conquistare il trecentesimo pareggio della propria storia in serie B. Il primo risale al 25 settembre 1938, 1-1 in casa contro l’Atalanta. Primo successo per il tecnico Calori contro la Salernitana mentre i siciliani portano a sette la striscia di risultati utili consecutivi. Resta invece tabù per la Salernitana lo stadio Provinciale di Trapani. La sconfitta di sabato è l’undicesima della storia di un bilancio di sfide cui vanno aggiunti anche nove pareggi. In undici di queste venti partite, inoltre, la Salernitana non è riuscita a trovare neppure la via della rete. Prima sconfitta, infine, per i granata con Aureliano di Bologna. Prima del match di Trapani il bilancio delle sfide con il fischietto bolognese era di tre vittorie e quattro pareggi, due dei quali ottenuti fuori casa nella scorsa stagione a Livorno e a Perugia.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->