Salernitana a picco, la Spal espugna l’Arechi

Scritto da , 28 febbraio 2017
image_pdfimage_print

di Marco De Martino

SALERNO. Una Spal piena zeppa di seconde linee espugna per 2-1 l’Arechi. La Salernitana, contestata dalla tifoseria, ripiomba in zona play out: decisive le reti, una per tempo, di Zigoni dal dischetto e di Floccari nel finale. Coda in pieno recupero addolcisce la pillola con la rete della bandiera. Bollini, tra i più contestati della tifoseria al pari di Lotito, è sulla graticola: il derby di Benevento potrebbe essere decisivo per lui.

La Salernitana è accolta in campo dai fischi dell’Arechi e dal silenzio della curva sud, in aperta contestazione nei confronti dei calciatori granata. Nei primi minuti, giocati in penombra per un calo di tensione dei riflettori, le squadre si studiano, con tentativi dalla distanza di Pontisso da una parte al 9’ e di Coda dall’altra all’11’, con entrambe le conclusioni che terminano alte sulla traversa. Al 15’ Finotto si presenta da solo davanti a Gomis, prova a saltarlo anziché concludere al volo ma il portiere granata non si lascia ipnotizzare e sventa in uscita bassa. La risposta della Salernitana è affidata a Rosina che al 23’, ben servito da Coda, lascia partire un destro da centro area che viene deviata provvidenzialmente in corner da Gasparetto. Sul corner successivo la palla carambola sul destro di Coda che da due metri svirgola mandando fuori di un niente. Con un contropiede micidiale, favorito da un clamoroso errore di Schiavi, la Spal costruisce il gol del vantaggio. Finotto al 29’ va via grazie ad un mancato intervento in anticipo del centrale, punta Mantovani, entra in area dove viene a contatto con Vitale. Il signor Pasqua di Tivoli, nativo di Nocera Inferiore, decreta un rigore generoso che Zigoni trasforma spiazzando Gomis. Tre minuti dopo ci prova Coda ma la palla viene bloccata da Meret in due tempi. La Salernitana va ancora vicina al pareggio al 39’ con Vitale ma il suo colpo di testa viene respinto alla grande da Meret. Il duello si rinnova due minuti dopo ma stavolta il terzino, che pure aveva segnato di testa in tuffo, viene stoppato dal fuorigioco. La prima frazione finisce così con la Salernitana immeritatamente sotto di un gol.

La ripresa inizia a rilento con il solo Zito che al 54’ spreca una buona occasione mandando di testa il pallone fuori dopo un bel cross di Bittante. Al 59’ è però la Spal ad avere l’occasione capitale per il raddoppio con lo scatenato Finotto il quale mette a sedere Mantovani, batte di sinistro ma Gomis è strepitoso nella risposta in tuffo. Coda al 70’ dimostra di attraversare ancora un periodo negativo vanificando un contropiede innescato da Minala e rifinito da Rosina con una conclusione tardiva e prevedibile contrata in corner dai difensori spallini. La parola fine arriva all’89’: il neo entrato Floccari scambia con Zigoni e conclude, Gomis è strepitoso, ma sulla ribattuta nessuno dei granata si muove e Zigoni e Floccari possono confezionare il raddoppio che chiude i giochi. In pieno recupero Coda in mischia firma l’inutile gol dell’1-2. La Salernitana esce tra i fischi sonori di un Arechi imbufalito con Bollini, la società ed i calciatori. Tutti colpevoli per una classifica che ora fa davvero paura.

SALERNITANA-SPAL 1-2

SALERNITANA (3-5-2): Gomis; Perico, Schiavi, Mantovani (76’ Donnarumma); Bittante, Minala, Ronaldo (63’ Sprocati), Zito, Vitale (71’ Odjer); Rosina, Coda. A disp.: Terracciano, Tuia, Luiz Felipe, Grillo, Improta, Joao Silva. All.: Bollini

SPAL (3-5-2); Meret; Gasparetto, Bonifazi, Giani; Ghiglione, Pontisso (68’ Schiattarella), Schiavon, Mora, Del Grosso; Zigoni, Finotto (76’ Floccari). A disp.: Poluzzi, Silvestri, Arini, Antenucci, Vicari, Lazzari, Costa. All.: Semplici

ARBITRO: Pasqua di Tivoli (assistenti Bresmes e Lanotte. Quarto uomo Pezzuto)

MARCATORI: 31’ Zigoni (rig.), 89’ Floccari, 94’ Coda

NOTE: Spettatori 8195 (include quota abbonati). Ammoniti Pontisso, Vitale, Mora, Bonifazi, Zito. Recupero 1’ e 5’

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->