Salernitana, a Foggia un punto che sa di beffa

Scritto da , 4 ottobre 2014
image_pdfimage_print

di Marco De Martino

FOGGIA. Una rete di Iemmello all’89’ interrompe il filotto di vittorie in trasferta della Salernitana che esce dallo Zaccheria tutto sommato con un buon punto, anche in considerazione delle tante assenze per infortunio soprattutto in difesa. Aveva aperto le marcature in avvio il brasiliano Calil, poi il pari dei satanelli nel finale dopo aver sciupato tante occasioni anche grazie alle ottime parate di Gori. Sotto accusa la direzione di gara di Paolino, che non ha espulso i foggiani Cavallaro e Leonetti ed ha ammonito a ripetizione i calciatori della Salernitana.

LA CRONACA La partita comincia in maniera scoppiettante. Al 4′ il foggiano Loiacono va via sulla destra, crossa al centro dell’area dove prima Bianchi e poi Iemmello lisciano la palla che arriva all’accorrente Cavallaro che spara a rete a botta sicura. L’urlo dei tifosi rossoneri è strozzato dal miracoloso intervento di Gori che incredibilmente para. Allo Zaccheria si concretizza, un minuto dopo, la dura legge del calcio: gol mancato gol subito. Stavolta è Nalini ad andar via sulla destra ed a crossare in area dauna, la palla arriva a Calil che stoppa di petto e col destro fredda Narciso. La Salernitana passa in vantaggio inaspettatamente a Foggia. Nel resto della prima frazione, a parte un paio di insidie portate da Cavallaro (32′, tiro a giro di poco fuori) e Sarno (35′, punizione alta di un soffio), i granata gestiscono senza troppe difficoltà il minimo vantaggio.

Al 49′ il Foggia, ancora una volta su punizione, sfiora il pareggio: stavolta è Gigliotti a fare la barba al palo con una velenosa conclusione mancina. Tre minuti più tardi, sempre su punizione, Gori sventa con un colpo di reni una potente conclusione dell’ex Agnelli. Il Foggia preme sull’acceleratore e al 60′ va ancora vicinissimo al pareggio, con Iemmello che ad un passo dalla linea di porta si divora in spaccata un gol fatto. La Salernitana è però ancora viva ed al 65′, con Nalini, sfiora il colpo del ko. Negro se ne va sulla sinistra, s’accentra, salta tre avversari e serve il giovane esterno che converge e di sinistro lascia partire un diagonale che scheggia il palo destro della porta difesa da Narciso. Al minuto 82 ancora Agnelli, con un diagonale di destro, a scaldare le mani di Gori che devia in corner. La partita s’incattivisce, scoppiano un paio di risse, vengono espulsi Bonatti e De Zerbi, ma a beneficiarne è il Foggia. Infatti il pareggio arriva proprio all’89’ con Iemmello che sfrutta una ripartenza di Agnelli e fa secco Gori sul proprio palo con un destro non irresistibile. I satanelli si galvanizzano ed al 93′ con Cavallaro sfiorano il raddoppio ma è Gori ancora una volta strepitoso a salvare con una grande parata. Finisce con un pareggio che grida vendetta per la Salernitana ma che tutto sommato può starci per quanto visto in campo.

FOGGIA-SALERNITANA 1-1

FOGGIA (4-3-3): Narciso, Loiacono, Agostinone (73′ Bencivenga), Agnelli, Potenza, Gigliotti, Gerbo (83′ Leonetti), Quinto, Iemmello, Cavallaro, Sarno (46′ Bollino). A disp: Tarolli, Grea, Sicurella, D’Allocco. All. De Zerbi

SALERNITANA (4-2-3-1): Gori, Colombo, Pezzella (88′ Svonja), Pestrin, Lanzaro, Bianchi, Nalini, Favasuli, Calil (92′ Giandonato), Negro, Volpe (69′ Mounard). A disp: Russo, Grillo, Cappiello, Ginestra. All. Menichini

Arbitro: Paolini di Ascoli Piceno (Barbetta/Pellegrini)

MARCATORI: 5′ Calil, 89′ Iemmello

NOTE: Spettatori circa tremila di cui un centinaio provenienti da Salerno. Ammoniti Negro, Favasuli, Bianchi, Lanzaro, Calil, Cavallaro, Iemmello, Leonetti. Espulsi all’80’ il vice allenatore della Salernitana Bonatti ed all’86’ il tecnico del Foggia De Zerbi.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->