Ruggi, precipita ascensore degli infettivi. Feriti i due infermieri

Scritto da , 3 Novembre 2012
image_pdfimage_print

Paura al Ruggi, per il cedimento un ascensore. Nella mattinata di ieri si è verificato la rottura di una delle funi portati dell’ascensore che serve il reparto malattie infettive dell’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona, solo leggeri traumi per le tre persone all’interno. Poteva essere una strage, ma la fortuna ci ha messo la mano ed hanno evitato il peggio.
Ore 12.30 due infermiere e un paziente prendono l’ ascensore per recarsi ad un altro piano dell’ospedale, improvvisamente si verifica il cedimento di una delle funi che sorreggo il montacarichi. L’ascensore inizia la sua folle corsa verso il basso, pochi ma intensi gli attimi della caduta, carichi di paura per il personale ospedaliero e il degente dentro il montacarichi. La corsa del mezzo meccanico verso terra però è frenata dalle altre funi che riescono a reggere all’improvviso carico di peso, riuscendo a rallentare la caduta verso il piano terra. Quando l’elevatore conclude la sua corsa, immediatamente, avviene l’intervento della squadra pronto intervento dell’ospedale. La squadra dei manutentori riesce in breve tempo ad aprire le porte meccaniche e a porre in salvo le tre persone.
Le due infermiere e il degente non sembrano aver riportato gravi ferite, però come avviene in questi casi sono stati trasferiti al pronto soccorso per i controlli del caso. Per il paziente non ci sono state conseguenze, infatti è uscito illeso dall’ascensore, peggio è andata alle due infermiere, una ha riportato un trauma al ginocchio, l’altra invece un trauma alla schiena. Non è la prima volta che episodi di questo genere si verificano all’interno del nosocomio cittadino, già altre tre volte gli ascensori del San Leonardo hanno occupato le pagine dei quotidiani.
Al momento l’elevatore al centro della vicenda è stato chiuso. Sul posto non sono intervenuti i vigili del fuoco, poiché l’ascensore non si è fermato tra due piani, permettendo quindi alla squadra manutenzione dell’ospedale d’intervenire agevolmente riuscendo ad aprire le porte.
Probabilmente alla base dell’accaduto, un errore nella manutenzione dell’ascensore, che ha causato il logoramento delle funi, fino a causarne la rottura di una. In questi casi è inutile negarlo, la fortuna gioca un ruolo molto importante, infatti se le altre corde non avessero retto all’improvvisa  caduta dell’ascensore, non sarebbe bastato il solo intervento della manutenzione ma ben altri uomini sarebbero giunti sul posto. Questo è l’ennesimo esempio di come i controlli sulle apparecchiature meccaniche non siano mai abbastanza, specialmente negli ospedali.
 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->