Ruggi, ecco i nuovi direttori

Scritto da , 22 gennaio 2014

di Andrea Pellegrino

Si completa la dirigenza del Ruggi d’Aragona. Il manager Vincenzo Viggiani ha nominato il dottor Salvatore Guetta, direttore amministrativo ed il dottor Domenico Della Porta, attualmente a capo del dipartimento di prevenzione dell’Asl, direttore sanitario. Sciolta la riserva, ora, finalmente l’assetto amministrativo e sanitario dell’azienda universitaria ospedaliera di via San Leonardo può dirsi concluso, con tanto di placet da parte del Rettore dell’Ateneo salernitano Aurelio Tommasetti. Della Porta, insomma, ora lascerà l’Azienda di via Nizza per trasferirsi al Ruggi mentre Guetta si trasferirà dal Santobono in via San Leonardo. «Tali scelte – ha detto il direttore generale Viggiani – sono state determinate dalla consolidata esperienza, acquisita negli anni da entrambi. Come anche i requisiti degli stessi professionisti rispondono appieno alle caratteristiche di alta professionalità tecnica, amministrativa e gestionale richiesti dalla normativa vigente. Di tali scelte ne ho dato opportuna notizia al presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, ed al Magnifico Rettore dell’Università di Salerno, Aurelio Tommasetti. Desidero esprimere, infine, ai due direttori i miei più sinceri auguri di buon lavoro». Soddisfazione è stata espressa anche dal Rettore Tommasetti: «Le nomine fatte dal Direttore generale Vincenzo Viggiani chiudono una lunga fase di incertezze e vacanza. Con la squadra al completo, e l’implementazione di moderne modalità di relazione operativa tra Azienda, Università e Regione siamo pronti a raccogliere le sfide future. Da subito tutti a lavoro per il rilancio della facoltà di Medicina, per la completa e armonica integrazione della componente universitaria con quella ospedaliera, per il rilancio della ricerca scientifica, per il completamento dei percorsi formativi dei nostri studenti e per il rafforzamento di un moderno sistema di assistenza sanitaria al servizio dell’intera comunità locale, regionale, se non nazionale. Molto abbiamo fatto in tempi stretti, tanto ci resta da fare. Per l’Università – conclude il professore Tommasetti – le priorità restano la redazione di un Atto aziendale condiviso, ambizioso ma sostenibile, e il rilancio del progetto di riqualificazione del plesso ospedaliero di via San Leonardo mediante la piena attuazione del masterplan elaborato dall’Ateneo. Al direttore sanitario e al direttore amministrativo, anche a nome dell’intera comunità accademica, un augurio di buon lavoro».

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->