rrestata ricercata serba per furto e denunciata sua connazionale per possesso di arnesi atti allo scasso

Scritto da , 10 luglio 2015

Ancora un buon risultato della Polizia di Stato salernitana nell’ambito dell’attività di contrasto alla criminalità diffusa, con particolare riferimento alla prevenzione dei furti in abitazione.

Nella giornata di ieri, infatti, gli agenti della Sezione Volanti della Questura, nell’ambito degli intensificati servizi di controllo del territorio, hanno arrestato una donna di nazionalità serba, di anni 30, destinataria di un mandato di cattura, dovendo scontare 1 anno e 10 mesi di carcere per un furto aggravato commesso tempo addietro a Firenze.

 

La donna è stata fermata dai poliziotti, in Via Silvio Baratta a Salerno, insieme ad altre tre giovani donne straniere, tutte provenienti dal campo nomadi di Napoli – Scampia, a seguito della segnalazione fatta da alcuni cittadini al “113” circa la loro presenza sospetta nei pressi di un androne condominiale.

 

La perquisizione ha consentito ai poliziotti di trovare addosso ad una delle altre tre donne, anch’ella serba di anni 24, numerosi arnesi, tra cui torce, cacciaviti, schede di plastica sottili, idonei a forzare ed aprire le porte di abitazioni. La straniera, pertanto, è stata deferita all’Autorità Giudiziaria, in stato di libertà, per possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso.

 

Nell’ambito degli stessi servizi di vigilanza, i poliziotti delle volanti, nel transitare in Piazza Vittorio Veneto, davanti alla locale stazione ferroviaria, hanno controllato due persone, un rumeno ed un italiano, risultati entrambi destinatari di foglio di via obbligatorio con divieto di far ritorno a Salerno per tre anni. Per tale motivo i due uomini sono stati denunciati a piede libero per inosservanza del provvedimento del Questore.

Consiglia