Rosario Falcione il primo nato del 2019

Scritto da , 2 Gennaio 2019
image_pdfimage_print

di Aniello Palumbo

Si chiama Rosario Falcione il primo nato del 2019 a Salerno. Alle 00,02 di ieri ha emesso il primo vagito, nella Sala Parto dell reparto di Ostetricia dell’Azienda Ospedaliera Ruggi D’Aragona di Salerno facendo vibrare i cuori dei suoi genitori: il papà, Antonio Falcione, e la mamma, la qua- rantaseienne Gerardina An- grisani, entrambi di Pontecagnano Faiano. Rosario è nato grazie alla ginecologa Gabriella Cappetti e all’oste- trica Aurora Visaggi, con parto spontaneo, “Ho ricove- rato la signora verso le 21,30 di ieri sera e dopo il travaglio, seguito dall’ostetrica Aurora Visaggi, alle 00,02 ha parto- rito con parto spontaneo. Con me in Sala Parto c’erano anche la pediatra, Annarita Frascogna, e l’altra ostetrica Anna De Chiara ” , ha raccon- tato la dottoressa Cappetti soddisfatta e contenta per la nascita del bambino:” Nel 2018, nel nostro Ospedale, sono nati 1851 bambini con un aumento di oltre il 30 % di parti spontanei anche grazie all’apertura del “Rooming In”, un nuovo reparto dove è possibile per i neonati trascor- rere molte ore della loro de- genza in compagnia delle mamme, e anche grazie al- l’arrivo di nuove ostetriche , coordinate dalla dottoressa Filomena Della Porta, che se- guono con efficienza e pro- fessionalità il travaglio delle pazienti ”. Rosario che è nato con un peso di 3,200 kilo- grammi e una lunghezza di 48 centimetri, è il quarto bam- bino che arriva, dopo quattor- dici anni dall’ultima nata, nella famiglia Falcione coma ha spiegato con emozione la mamma:” Ho una figlia di 22 anni, Rosa, un figlio di dicias-

sette anni, Federico, e Alessia che ha quattordici anni. Adesso è arrivato Rosario, al quale abbiamo dato il nome dello zio, e che sarà il princi- pino di casa. E’ stata un’emo- zione unica, il dono più bello che potessimo ricevere in que- sto 2019. Spero che possa avere il meglio dalla vita”. Il piccolo Rosario ha reso felici anche i nonni paterni Car- mine e Rosa e i nonni ma- terni Ernesto e Assunta. Il secondo vagito salernitano, si è fatto sentire a distanza di circa quattro ore, sempre al reparto di Ostetricia del- l’Azienda Ospedaliera Ruggi D’Aragona di Salerno dove, alle 4,08 è nato Carmine Ren- dina, per la gioia del papà, Do- nato, che ha assistito al parto, e della mamma, Gabriella D’Amico, di Cava de’ Tirreni ma residenti a Striano, in pro- vincia di Napoli, per motivi la- vorativi. Carmine è nato con un peso di 3,360 kg. e una lun- ghezza di 49 centimetri, con parto spontaneo, grazie alla professionalità del gineco- logo, il dottor Michele Roma- niello, e dell’ostetrica Anna De Chiara. E’ il primo bambino della coppia al quale hanno dato il nome del nonno pa- terno, Carmine, che insieme alla moglie Anna e al nonno

materno Generoso ha gioito per l’arrivo del nipotino. A chiudere l’anno 2018 sempre al Reparto di Ostetricia del- l’Azienda Ospedaliera Ruggi D’Aragona di Salerno è stato Samuele Del Mastro, nato con un peso di 3,070 kg. e una lun- ghezza di 49 centimetri, con un parto spontaneo alle 19, 44 del 31 dicembre, grazie al Gi- necologo Giuseppe Allegro e

all’ostetrica Elvira Figliolia. “E’ stata una sorpresa perché doveva nascere il 10 gennaio. Invece ieri pomeriggio si sono rotte le acque e con mio ma- rito siamo partiti per Sa- lerno”, ha raccontato con dolcezza la mamma di Sa- muele, la trentenne Rosa Sal- vati che con il marito Emanuele, entrambi di Mer- cato San Severino, ha già un

altro bambino: ” Gaetano di diciotto mesi che sicura- mente, come anche i nonni: Gaetano Del Mastro, Filo- mena Falco, Giuseppe Salvati e Jurtchenko Mariee non vede l’ora di conoscere Samuele”. Dall’ospedale di Polla invece giunge Gioele, l’ultimo nato nella provincia di Salerno per il 2018.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->