“Riprendiamoci il Lungomare” Via abusivismo e contraffazione

Scritto da , 1 settembre 2017

Pina Ferro

Ora basta è tempo di ristabilire la legalità ed il rispetto delle regole. Anva e Confesercenti sono intenzionati a riprendersi il Lungomare cittadino cacciando gli abusivi e coloro che mettono in vendita merce contraffatta. Ora, dopo tanto parlare è tempo di agire e ripristinare la legalità nell’interesse di coloro che operano nel rispetto delle regole e della normativa vigente. L’associazione degli ambulanti e la Confesercenti non puntano il dito contro gli stranieri e basta. Come hanno in più occasioni ribadito la loro è una “battaglia” contro l’illegalità e contro chiunque si rende protagonista di azioni al di sopra delle regole. Le due organizzazioni a tal fine hanno organizzato per la metà del mese di settembre una manifestazione che si terrà sul lungomare di Salerno. Da tempo la Confesercenti e l’Anva hanno denunciato alle autorità preposte il grande disagio ed illegalità che caratterizza il lungomare cittadino a causa della presenza di operatori italiani ed extracomunitari abusivi. “Nel contempo – si legge in una nota a firma dei responsabili delle due siglie sindacali – la Confesercenti e l’Anva hanno intrapreso una importante azione con la comunità senegalese e bengalese affinché si tutelino gli operatori extracomunitari legali ed in regola con le autorizzazioni amministrative e statali, isolando ed eventualmente denunciando quanti operano illegalmente ed in particolare modo cercano di vendere merce contraffatta proveniente e gestita da organizzazioni criminali”. Quindi dalle parole ora si passa ai fatti. «La Confesercenti Provinciale – dichiara il direttore provinciale Pasquale Giglio, è in prima linea per l’affermazione della legalità e per la libertà di fare impresa contro la contraffazione e le organizzazioni criminali che gestiscono ancora impunite il mercato clandestino e al tempo stesso tutela e difende, unitamente all’Amministrazione Comunale di Salerno, sempre attenta a queste problematiche, gli operatori in regola con titoli amministrativi». «L’Anva Confesercenti – dichiara il presidente provinciale Aniello Pietrofesa da tempo denuncia l’illegalità di alcuni insediamenti commerciali che nulla hanno a condividere con la regolare attività commerciale su aree pubbliche». Nei prossimi giorni la Confesercenti e l’Anva sensibilizzeranno gli operatori, il Comune e le Istituzioni per porre fine definitivamente alla piaga dell’Abusivismo e contraffazione commerciale.

Consiglia