Riportiamo in vita con il Teatro semplici ma forti emozioni

di Martina Farace

Oggi, 27 marzo 2021, si celebra la “Giornata mondiale del teatro”, giorno in cui si rende onore al teatro e a tutto ciò che esso esprime. Questa giornata fu istituita nel 1961 a Vienna durante il IX Congresso, ma fu celebrata ufficialmente per la prima volta nel 1962. Molto spesso le persone sottovalutano l’importanza e la potenza del teatro: ciò che trasmette lo stare nei suoi spazi e ciò che i suoi artisti trasmettono al pubblico. La celebrazione di questa giornata permette agli artisti di condividere e discutere con il pubblico la loro idea e la loro visione dell’arte, grazie a eventi, trasmissioni, programmi alla radio o alla televisione; ma, soprattutto, grazie alle loro parole; quelle parole che essi pronunciano una volta saliti sul palcoscenico, dove abbandonano la maschera per lasciare spazio a parole semplici ma forti, leggere ma profonde, divine ma umane. Il teatro è una forma di approfondimento dell’interiorità umana, in quanto permette alle persone di entrare in contatto con un’altra parte di loro stessi, quella più profonda e nascosta, che riguarda le emozioni e le sensazioni più intime, sia negative che positive. Inoltre, permette di portare questo aspetto al di fuori, senza vergogna e senza paura del giudizio delle altre persone. In poche parole, il teatro dona libertà, sia libertà per noi stessi sia libertà di essere noi stessi. Non importa se si è spettatore o attore, in entrambi i casi si riescono a comprendere le emozioni e le paure dell’altro, accrescendo la voglia di voler comprendere e aiutare il prossimo: caratteristica per nulla scontata al mondo d’oggi, un mondo dominato per lo più dall’egoismo e dall’ostilità. Per questo è importante fare teatro, abbattere ogni tipo di barriera e lottare contro ogni tipo di pregiudizio che pervade l’animo di maggior parte delle persone. Non bisogna mai aver paura di esprimere le proprie emozioni: non ci sono parole giuste o sbagliate da pronunciare per farlo. Questa giornata, quindi, è molto importante. Celebrare il teatro significa ricordare alle persone che la libertà esiste e che si è liberi di essere liberi. Nulla più del teatro rappresenta la voglia di libertà, per sé stessi e per gli altri.