Rinvenuti nelle frazioni 820 chili di amianto

Scritto da , 21 giugno 2013

CAVA DE’ TIRRENI. Le frazioni della città di Cava de’Tirreni sono sempre più interessate da un pericoloso problema ambientale: l’amianto illecitamente abbandonato in discariche abusive. L’argomento è stato però affrontato con decisione da parte dell’assessore all’Ambiente, Fortunato Palumbo, il quale, fin dai primi giorni del suo insediamento, si è adoperato per scoprire e bonificare tutte le aree dei boschi della valle metelliana, inquinati da vari generi di rifiuti. Nello specifico, nel corso di tutta la settimana appena trascorsa, l’assessore Palumbo, insieme ai tecnici comunali e ai dipendenti della Metellia Servizi, ha condotto e coordinato un’attività di raccolta di tutti i comuli d’amianto individuati nelle periferie della città durante una precedente attività di screening del terriorio. Nel complesso sono stati trovati materiali pericolosi abbandonati altamente inquinanti in via Vitale, nella travera Vallone Lupo, in via L. Ferrara, in località Contrapone, a Pioppi, presso le case popolari di San Pietro, nella traversa Vecchione, presso i prefabbricati Le Ginestre, in località San Martino, in via Francesco Sorrentino, in via XXV Luglio, e in via Pella. In totale sono stati rinvenuti ben 820 chili di amianto illecitamente abbandonato, con un costo di smaltimento per il comune di circa 16mila euro. “Non è che l’inizio della nostra attività”, ha commentato l’assessore Fortunato Palumbo, “i sopralluoghi continueranno la settimana prossima a partire da lunedì e voglio ricordare che gli alti costi di smaltimento dei rifiuti ricadranno direttamente sulle spalle della collettività”. Per prevenire il ripetersi di simili fenomeni, l’assessore ha dunque preannunciato sia un incremento dei controlli da parte degli agenti di Polizia Locale dell’Unità Operativa Ambiente e del personale del suo assessorato, sia l’adozione di misure quali l’installazione nei punti “caldi” della vallata di videocamere di sorveglianza perchè troppo spesso coloro che abbandonano questi materiali pericolosi agiscono in modo indisturbato.
L’azione di controllo dell’assessore Palumbo, però, non si fermerà allo scrrening del territorio per l’amianto: come ha annunciato ieri mattina intervenendo su Radio Base, infatti, un altro punto su cui si focalizzerà l’attenzione del suo assessorato sarà anche il conferimento dei rifiuti nel rispetto della raccolta differenziata e degli orari e dei giorni di conferimento. A tal proposito ieri mattina sono già state individuate delle trasgressioni in località Badia da parte di diversi ristoranti della zona.
 

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->