“Rimuovere murata in ferro che costeggia l’Auditorium”

Scritto da , 21 Giugno 2021
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

Rimuovere la murata in ferro che copre, in parte, l’Auditorium di Salerno. Una richiesta avanzata dai residenti di via de’ Renzi che chiedono all’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Vincenzo Napoli, di eliminare definitivamente l’enorme struttura in ferro che costeggia lo spazio destinato agli studenti del conservatorio Martucci di Salerno, luogo di ritrovo di tanti musicisti salernitani, che attendono – ormai da diversi anni – mi poter finalmente sfruttare l’auditorium, con i lavori terminati da diversi mesi tanto che parte della struttura già necessità di ulteriori interventi. “Nella città di Salerno siamo ormai abituati a sentir parlare di mostri ed eco mostri ma di questo nessuno ne parla sembra un altro carcere un obrobrio, è un’offesa proprio alla pista un’assurdità incredibile, una medaglia d’oro – hanno dichiarato alcuni residenti della zona – Dovrebbe davvero vergognarsi chi l’ha progettata, si tratta di una vergogna inaudita perchè oltre ad aver rovinato una bellissima veduta hanno proprio deturpato un paesaggio, una vergogna incredibile”. Tra i promotori di questa battaglia, insieme a tanti residenti della zona che, da tempo prova a far sentire la voce di tanti cittadini all’amministrazione comunale Enzo Sica che, in queste settimane, sta ascoltando le istanze dei residenti. Altra problematica riguarda, invece, il garage, inizialmente destinato agli studenti e ai docenti del conservatorio ma mai aperto. “Ci sono tanti problemi da risolvere, zone da riqualificare mentre il Comune oggi pensa di abbattere il campetto da calcio per realizzare un altro garage, tutto questo è vergognoso – ha aggiunto Sica – Hanno ristretto una strada di passaggio, in un vero e proprio angolo di paradiso, per realizzare un mostro”. Nel frattempo, a distanza di mesi nessuna novità per l’Auditorium che resta inspiegabilmente chiuso. Come aveva dichiarato l’assessore alla Cultura Antonia Willburger la causa sarebbe riconducibile all’assenza di parcheggi.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->