Riciclaggio di auto e false denunce, 4 indagati

Scritto da , 20 Giugno 2021
image_pdfimage_print

False denunce e riciclaggio di autovetture: a rischio giudizio 4 indagati, attesi dal gup nocerino dopo la fissazione dell’udienza preliminare. Si tratta di Gaetano Toscano, 72enne, Franco Somma, 49enne originario di Salerno entrambi domiciliati a Pagani, i battipagliesi Ivan Scalesi e Lucio D’Amore. Gli ultimi due si sarebbero impossessati di un’autovettura presa a noleggio mai restituita nonostante le sollecitazioni della società che gliel’aveva fittata. Per loro appropriazione indebita. Toscano invece risponde di documenti falsi relativi alla macchina presa in possesso indebitamente dagli altri due imputati. I due paganesi (Toscano e Somma) avrebbero portato avanti un episodio simile sempre tramite l’agenzia di pratiche automobilistiche di Toscano. Il blitz scattò tra Campania e Basilicata nel dicembre dello scorso anno con misure cautelari. Scrivono gli inquirenti. “Attraverso un consolidato modo di agire che prevedeva l’acquisizione di veicoli ceduti da persone o società in crisi economica che volevano disfarsi del bene in locazione ottenevano un ingiusto profitto con modalità successive di immissione nel mercato dei veicoli, consistevano nella formazione di un “falso” atto di vendita dell’autovettura attraverso “falsi” documenti di identità e di dichiarazioni di cessazione del contratto di locazione contraffatte, al fine di consentire il trasferimento del veicolo a terze persone in buona fede. Nel corso delle perquisizioni, presso l’abitazione di uno degli indagati erano state rinvenute una carta di circolazione di veicolo italiani documenti di un veicolo tedesco, visure della Camera di Commercio di varie società, preventivi di acquisto di veicoli e documenti attestanti passaggi di proprietà, su cui sono in corso accertamenti finalizzati a verificarne la provenienza e autenticità.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->