Residence Arechi, dissequestrate le stanze dell’amore

Scritto da , 27 aprile 2017
2087017_residence.jpg.pagespeed.ce.7BzL9_Q2Co

Pina Ferro

Sono state dissequestrate dai giudici del Tribunale del Riesame le stanze del sesso a pagamento del Residenze Arechi di via Madonna di Fatima. I sigilli a parte della struttura furono apposti lo scorso 16 novembre dai carabinieri del Comando Provinciale. Quando i carabinieri della compagnia Salerno fecero irruzione, su ordine del sostituto procuratore Elena Guarino, all’interno della struttura vi hanno trovato tre prostitute, una di queste era con un cliente, un professionista abbastanza noto in città. E anche falcoltoso, dal momento che all’interno dell’alcova, i militari del maggiore Paolo Rubbo e del tenente Bartolo Taglietti,trovarono e sequestrarono diecimila euro in contanti. Altri settemila era in possesso di un’altra donna. Tre in tutto le prostitute, due brasiliane ed una italiana. Tutte molto belle e truccate con gusto. Ma nel mirino della Procura finì anche il proprietario del residente, ex hotel Kappa. Tre le stanze nelle quali si svolgevano gli incontri di sesso a pagamento che avevano nomi di alcuni punti caratteristici della città (Ponti del Diavolo, Fornelle e Vicolo della Neve).

Consiglia