Referendum: Calderoli, Renzi maggiore sponsor del no

Scritto da , 4 novembre 2016
img1024-700_dettaglio2_calderoli-3

“Ogni volta che parla Renzi predomina il no. All’inizio il fronte per il sì era in vantaggio; ma quando il premier ha detto “se vince il no mi ritiro”, allora quest’ultimo ha avuto la meglio. E’ proprio Renzi il maggiore sponsor del no”. Lo ha detto il vicepresidente del Senato della Repubblica, Roberto Calderoli, nel corso di un incontro questo pomeriggio alla Sala Moka, aSALERNO. “Anche il guru della comunicazione che aveva consultato, Jim Messina – rimarca il senatore – gli aveva consigliato di non parlare della riforma. + andata bene fino quando si è attenuto a questa linea, poi le cose sono peggiorate per il fronte del sì, perché lui è un adulto incontinente, parla e spara su tutto e su tutti. Il tono è quello del venditore di pentole. Questa riforma ha un papà Renzi, una mamma Boschi e un nonno Napolitano. Boschi, a parte la sana e robusta costituzione, per il resto non ha nulla a che fare con la Costituzione”. All’incontro, tra gli altri, è intervenuto anche il senatore Raffaele Volpi (presidente comitato) che ha detto: “Vediamo se tutto il centrodestra decide finalmente di schierarsi per il no. Mi sembra che anche Forza Italia si sta schierando e si tratta di una buona cosa. Io penso che vincerà il no. Non c’è più spazio per le mediazioni; bisogna mettersi in campo con la chiarezza e la determinazione di sapere da che parte si sa. Noi con Salvini siamo presenti ovunque, in alcuni casi siamo il primo riferimento anche dove storicamente dovrebbe esserci il centrodestra. Questo fa ben sperare”.

Consiglia