Raffaella Cardaropoli trionfa al “Giorgetti”

Scritto da , 8 dicembre 2017
image_pdfimage_print

La violoncellista di Bracigliano si è aggiudicata la borsa di studio offerta dalla Filarmonica del teatro alla Scala di Milano

Di Olga Chieffi

 E’ stata assegnata alla violoncellista braciglianese, Raffaella Cardaropoli la borsa di studio di 4000 euro offerta dall’Orchestra Filarmonica del Teatro alla Scala, in memoria di Maura Giorgetti. Le suite di Johann Sebastian Bach, lì dove la regola e l’invenzione trovano un insuperabile punto d’incontro, i concerti di Haydn, le pagine più famose scritte per questo meraviglioso strumento maschio e dolce al tempo istesso da Ciaikovsky a Sostakovich, da Lalo a Brahms, il repertorio richiesto alla pletora di giovanissimi concertisti che si sono sfidati nel tempio della lirica. Raffaella, personalità, originalità interpretativa e dominio assoluto della tecnica, un suono ampio, caldo, dotato di un cantabile e di una rara capacità di “timbrare”, nei passi polifonici, le varie voci, caratterizzato da uno spettro infinito di colori, si è diplomata presso il Conservatorio “Martucci” di Salerno nella classe del M° Liberato Santarpino con la votazione di 10/10 più lode e menzione d’Onore. È stata seguita negli studi di violoncello dal M° Ilie Ionescu e si è perfezionata presso l’Accademia Santa Cecilia di Roma con il M° Sollima, mentre, attualmente sta studiando presso la Hochschule der Künste Bern con Antonio Meneses, doppia il premio che lo scorso anno fu assegnato al fratello Gennaro, violinista, eredi di una famiglia di musicisti tra cui il papà Franco docente di tromba e trombone. Raffaella ha nel suo palmares diversi premi di prestigio internazionale, tra cui il “Premio Abbado” , il I Premio all’International Cello Competition “Antonio Janigro” in Croazia dove gli è stato assegnato, nella serata finale, anche il premio “The Zagreb Soloists Award”. Le è stato conferito a l’Aquila il Premio Speciale “W. A. Mozart” con borsa di studio e concerto con i Solisti Aquilani, e il premio “Cello Hitz” con l’esibizione in pubblico col pianista Bruno Canino nel Festival RovigoCelloCity. Successivamente ha ricevuto la Medaglia della Camera dei Deputati alla presenza delle più alte cariche dello Stato, come riconoscimento al suo talento artistico, e per i successi riportati nel corso degli ultimi anni in prestigiose competizioni violoncellistiche internazionali. Successivamente sono arrivati esibizioni importanti in campo internazionale come a New York presso “Carnegie Hall”, presso la sala della Filarmonica “George Enescu” di Bucarest e presso la Royal Albert Hall di Londra. Non da meno le ultime esibizioni effettuate al Festival Violoncellistico “Alfredo Piatti” di Bergamo, a Porec con I Solisti di Zagabria, a Napoli con l’Orchestra Nuova Scarlatti, e al Teatro Politeama di Palermo. A dicembre sarà in Cina e poi, sino alla primavera suonerà da solista sul palcoscenico del Teatro di Hannover in Germania.

 

 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->