Quelli del Bar Nettuno di Adolfo Gravagnuolo

Scritto da , 29 settembre 2017

Il Bar Nettuno viene aperto alla fine degli anni cinquanta. Un gruppo di ragazzi universitari , cominciarono a frequentarlo e tra questi ricordiamo il Filosofo Peppino Cacciatore e il professore Cantillo , figure di spicco della cultura salernitana . Dopo poco ,nella continuità della abituale frequentazione giungono altri ragazzi e nascono davanti al Nettuno idee nuove per organizzare Circoli universitari come la Scacchiera , il Ridotto , il Faro . Il Nettuno non perde le sue caratteristiche e negli anni seguenti altri ragazzi, in dissolvenza , continuano a vedersi e a frequentarsi al Nettuno . In quegli anni , i bar non godevano di queste aggregazioni giovanili erano luoghi di esercizio pubblico a sostegno dei rioni o delle periferie . Sempre in dissolvenza , tra il 1967 e il 1968 , un gruppo di altri ragazzi muta ‘ il significato ‘ della frequentazione , non e ‘ di livello culturale accademico , non e ‘ politico , non e’ studentesco sessantottino , ma assume dei connotati anomali che incidono fortemente nel sociale e nella realizzazione dello spirito libero di ogni singolo partecipante alla nuova aggregazione nascente . Questo gruppo era definito ‘ il Gruppo del Presidente Gigino Soldi ‘. E ‘ da precisare che alcuni anni piu ‘ tardi ,primi anni ’70 , sempre al Nettuno, vi era l’ assidua frequentazione di un altro gruppo , schiacciato politicamente su posizioni sessantottine , si radunavano in terza corsia di fronte al Nettuno . La comitiva del Presidente Soldi per 10 anni segue perfettamente le indicazioni del Suo leader , caduta delle barriere sociali , tutti frequentavano tutti , via il magistero della famiglia , via il magistero degli adulti , via il magistero accademico , liberta ‘ nei rapporti affettivi interpersonali , frequentazioni con gay , fidanzate , amanti , donne sposate . Nessuno giudicava l’ altro e i gay, per la prima volta, avevano una totale e giusta frequentazione in società . Siamo negli anni sessanta e queste nuove visioni della vita destavano scalpore , insomma questo gruppo si era posizionato quarant’anni avanti rispetto alla vita sociale del tempo. Non vi era una partecipazione alla vita studentesca classica del tempo, non erano nei cortei , non erano nelle occupazioni o non avevano posizioni di retroguardia , questi ragazzi erano già antimilitaristi , divorzisti , pacifisti e vivevano già come una comune e quindi non dovevano realizzare nulla di ciò che gli altri ipotizzavano , il loro Modus Vivendi era compiuto in LORO stessi . Il Presidente Gigino Soldi aveva trasmesso ai ragazzi e i ragazzi avevano messo in moto , la cultura di vita dei letterati universitari californiani Kerouac , Gensberg , professori universitari che con i Loro scritti degli anni ‘ 50 , romanzi ,poesie posero al centro l’ uomo e il suo spirito di liberta ‘ assoluta e vivere sempre sulla strada . L’ uomo doveva andare alla ricerca della propria Beatitudine con un nuovo ritmo ( beat ) di vita . Ecco che i Nettuniani , partono e senza meta e sempre per la strada confrontandosi con l’ altro e portando con se la nuova cultura che pone al centro sempre e prima la realizzazione di libertà personale . Questi ragazzi che fecero questa esperienza di vita ricca di altre sfumature come lo sport ,tema fondamentale del tempo,il brivido delle carte , essere liberi tra loro di ‘ fumare ‘ o meno senza mai giudicare l’ altro , vissero nel rispetto reciproco e con profonda dignità , in maniera egualitaria abbattendo completamente le diseguaglianze sociali , culturali lavorative , sportive , le persone all’ interno del gruppo più preparate non facevano mai pesare la differenza . Tutto fu costruito dal Presidente Soldi , più grande di età ma ricco di saggezza e cultura che seppe pilotare il gruppo nel tenerlo unito . Dopo quarant’anni da una idea del farmacista Paolo Vessa e del mitico Gino Senia nasce l’ idea di questa unica e affascinante serata , senza nostalgia ma per celebrare quel momento di vita anomalo ed esaltante . Tutti sono stati chiamati al raduno e nessuno e’ stato escluso e se qualcuno si ritiene non invitato deve ricordare che in questo gruppo non vi e’ stato mai . La cura degli organizzatori , non ha trascurato nessuno , il Presidente Soldi ,il noto assicuratore Salvatore Fruscione da Verona , il grande sportivo Nicola Borrelli , Paolo Vessa hanno compilato la lista dei 75 che si ritroveranno seduti a cena ad un tavolo imperiale con al centro il Presidente , verranno ricordati i ragazzi che non ci sono più e verranno da lontano per lo SPECIAL EVENT da Varese ,da Milano , Treviso , Trieste , Portofino , Montecatini, Roma , Avellino , Potenza , Verona . Questa serata è un momento importante non per il gruppo ma per la nostra città ‘ che non deve mai dimenticare la storia del suo costume e soprattutto un momento di cultura progressista, i ragazzi del Nettuno del Presidente Soldi la storia non l’ hanno vissuta, ma l’hanno fatta .

Alcune persone che parteciperanno all’evento: Fulvio De Maio, l’onorevole Franco Di Comite, Massimo Di Fluri, Raffaella Iuliani, Armida Amendola, Virginia Gaudiani, Gerardo Brucale, Mimmo Pellegrino, Gaetano Avallone, Umbertino D’Agostino, Ladislao Palumbo, Pasquale Vollaro, il famoso Scuascione, il professore universitario Rosario Lambiase, Deli Vietri, Gianfranco Avallone, Bruno Avellino, Angelo Gambardella, Enrico Iannone, Ughetto Rotundo, il calciatore dell’Atalanta Mimmo Gentile, il calciatore della Pro Salerno Gigino De Pisapia, matteo Rocco, Gianpaolo Scarpa, Pina Famiglietti, Antonietta Cioffi, Annalisa Senia, Francesco Franzese, Matteo Capacchione, Filomena Amato, Cinzia D’Alessandro, Nello Pappalardo primario da Trieste, il primario di neufrologia di Salerno Giuseppe Palladino, il grande giocatore della pallanuoto della Rari Nantes Antonio D’Anna detto Black, Italia Fruscione, Patrizia Francolini, Silvana e Antonella Bruzzese, Nenè Ferrigno, Liliana Napoli, Sergio Napoli, Angela Avallone, Marina Guerritore, Alba Stiglich, Giuseppe Itri, Enzo Bruzzese, noto ristoratore di Avellino, Armando Rossi, il masso fisioterapista di Maradona Salvatore Carmando, Luciano Perotti, il prof universitario Livio Del Cane, Franco Palumbo da Montecatini Terme, l’ing. Roberto Pelli, Marcello Giannatiempo, l’allergologo Cecco Pezzuto, la funzionaria del comune di Salerno Maria Teresa De Leo, il noto stilista Franco Ricciardi, l’avvocato Amedeo Gaudiani, il commerciante di Pontecagnano Enzo Sabatino.

 

 

Consiglia