Qualcosa di incredibile: fisica e tecnologia alleati dell’uomo

Scritto da , 3 dicembre 2014

Quando la tecnologia rende più sopportabile gli effetti di una malattia come la sclerosi laterale amiotrofica ( malattia neurologica degenerativa), diventa la più grande alleata della medicina e dell’uomo.

Stephen Hawking ,uno dei fisici teorici più famosi al mondo, è affetto da tale malattia sin da giovane, e comunica grazie a un sintetizzatore vocale, che consiste in un sensore a infrarossi mosso da un muscolo facciale.

Egli utilizza il sensore per digitare i caratteri su una tastiera, poi il testo scritto viene convertito nella sua voce sintetizzata .

Purtroppo con il peggiore della malattia, comunicare diventava sempre più complesso.

Pertanto Intel insieme a una società che si occupa di intelligenza artificiale e tecnologia linguistiche, la SwiftKey, ha apportato degli aggiornamenti al software.

Il dispositivo aggiornato, come spiega lo stesso Hawking, è stato progettato in tre anni con un modello personalizzato di previsione dei termini, basato sui libri e sui documenti da lui scritti nel corso degli anni. Memorizza le parole più usate dallo scienziato, soprattutto termini di cosmologia e fisica. Sulla base dello storico delle conversazioni, il sistema suggerisce già anche le parole successive a quella in fase di scrittura, e inoltre continua a imparare man mano che viene utilizzato.

E’ stata migliorata anche l’interfaccia grafica , rendendo più semplice la navigazione in internet, scrivere o leggere le email. La nuova tecnologia sarà lanciata in commercio già nel 2015, un vero sostegno per tutte le persone tetraplegiche o con malattie neuro-motorie.

Naturalmente, come per Hawking, il software viene programmato in base ai bisogni delle persona che lo usa.

Non resta che aspettarci cose incredibili in quest’era tecnologica.

di Letizia Giugliano

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->