Pusher acrobati: rischiano dieci anni

Scritto da , 8 Gennaio 2016
image_pdfimage_print

Rischiano quasi dieci anni di carcere i protagonisti della fuga acrobatica da un’abitazione di Coperchia, frazione di Pellezzano, dopo essere stati scoperti. Nello specifico il pubblico ministero, Roberto Penna, ha chiesto tre anni e otto mesi per Luca Franceschelli e tre anni per Maurizio Liguori e Andrea Cammarota. In manette finirono due vecchie conoscenze della malavita salernitana, Luca Franceschelli e Francesco D’Elia e due giovani incensurati. L’affaire è stato bloccato dall’immediato intervento della polizia di stato, da tempo sulle tracce di Franceschelli. Gli uomini della squadra mobile, all’epoca guidati dal vice questore Claudio De Salvo, entrarono in azione quando notarono D’Elia entrare nell’appartamento di Franceschelli con un borsone. In virtù dei precedenti dei due elementi sott’osservazione gli agenti hanno preferito entrare subito in azione. Gli uomini della mobile sorpresero i quattro giovani nel momento in cui si procedeva allo scambio dei 20 chili di hashish. Oltre Franceschelli e D’Elia finirono in manette anche Andrea Cammarota, classe 77’ (difeso dall’avvocato Ivan Nigro) e Maurizio Liguori.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->