Provincia senza soldi per scuole e strade

Scritto da , 14 Aprile 2013
image_pdfimage_print

Dieci milioni di euro di mancati trasferimenti che si ripercuoteranno principalmente su mancati interventi riguardanti la viabilità e l’edilizia scolastica già notevolmente sofferenti. Per i dipendenti della Provincia, invece, si prospetta un taglio nelle buste paga. Torna a parlare dello sforamento del patto di stabilità della Provincia di Salerno, il gruppo consiliare del Pd di palazzo Sant’Agostino. Ieri mattina, Giovanni Coscia, Tommaso Amabile e Paolo Russomando, sono tornati a fare le pulci ai conti dell’ente provinciale, approfittando anche della presentazione del libro dell’ex presidente Edmondo Cirielli “Salerno, la Provincia del buongoverno. «Cirielli ha detto – afferma il consigliere Giovanni Coscia – di averci fatto un favore non presentandolo in campagna elettorale, mentre a noi risulta che sia stato uno dei suoi maggiori veicoli elettorali delle politiche dello scorso febbraio. Il testo, di un bel colore verde speranza – continua Coscia – è un libro dei sogni. Un libro costato 6.000 euro e pagato dai contribuenti». Tornando al patto di stabilità, Coscia sottolinea come gli stessi componenti della Giunta abbiano affermato «di aver operato scientemente delle scelte che hanno portato allo sforamento. Scelte che però hanno interessato soltanto i territori allineati al colore politico dell’amministrazione provinciale, mentre in quelli avversari nulla è stato fatto». Il Pd fa riferimento alle situazioni di Pisciotta e della zona dei Picentini, alle prese con gravi problemi legati alla viabilità. «A Pisciotta, da giorni, si fanno i conti con una frana che sta letteralmente mandando in tilt la viabilità – continua Coscia – e a nulla sono valse le sollecitazioni all’amministrazione per risolvere la questione. In tal modo si compromette anche il turismo dal momento che Pisciotta è snodo importante per arrivare a Palinuro. Pensano piuttosto a finanziare per quota parte i “racconti delle pietre” per 200.000 euro. Un evento che ha fatto al massimo 12 presenze».
«Anche la zona dei Picentini – afferma il consigliere provinciale e sindaco di Giffoni Valle Piana, Paolo Russomando – è funestata da problemi relativi alle strade, con condizioni delle vie provinciali disastrose, ma lì nulla è stato mai fatto anche perché per fare il parlamentare (ruolo in cui è uno dei più assidui), Cirielli ha dimenticato di fare il presidente della Provincia». 
Tommaso Amabile, invece, è tornato a parlare degli 8 milioni di euro di finanziamenti non rendicontati dalla Provincia alla Regione: «I responsabili dovrebbero cacciarli di tasca propria – ha detto il sindaco di Fisciano – Intanto, mentre non ci saranno i soldi per le strade e l’edilizia scolastica si continuano a mantenere staffisti, a fare assunzioni, illegittime, tramite le società provinciali e a nascondere vecchi debiti che ora verranno liquidati per il doppio a causa degli interessi».

 

14 marzo 2013

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->