Provenza: “Troppi tumori a causa delle fonderie”

Scritto da , 16 Maggio 2021
image_pdfimage_print

“L’impatto sull’ambiente e sulla salute della popolazione, connessi alle attività della Fonderie Pisano, merita approfondimento, trasparenza e tempestività”. Lo dichiara Nicola Provenza, deputato del Movimento 5 Stelle, durante la sua interpellanza urgente che si è tenuta a Montecitorio. “I risultati definitivi sono stati sì consegnati alla Regione Campania dall’Istituto zooprofilattico, ma, purtroppo non sono stati resi pubblici, nonostante il Tar ne abbia già imposto la pubblicazione. Pertanto emerge l’assoluta urgenza della pubblicazione dei dati finali dello Studio Spes-Valle dell’Irno”, ha aggiunto Provenza evidenziando che nella risposta all’interpellanza urgente si afferma che tra i tumori che annoverano tra i fattori di rischio esposizioni a contaminanti potenzialmente rilasciati da impianti quali la Fonderia, si segnala una particolare attenzione e necessità di ulteriori approfondimenti per le malattie in eccesso nei singoli Comuni e, in particolare, per gli eccessi di tumore alla vescica riscontrati tra gli uomini – sia di Baronissi, sia di Pellezzano- e gli eccessi rilevati nella popolazione femminile del tumore al rene a Pellezzano e del tumore del polmone a Baronissi. “Inoltre, meritano particolare attenzione gli eccessi di mortalità e i ricoveri per tumore alla mammella delle donne di Pellezzano, non solo per la loro possibile associazione a contaminanti ambientali, ma anche per la necessità di implementare idonei sistemi di prevenzione , quali gli screening oncologici. Si segnalano, infine, gli eccessi dei deceduti per mesotelioma pleurico a Pellezzano e dei ricoverati per asbestosi del Comune di Salerno, data l’associazione di queste patologie con l’esposizione all’amianto. Alla luce di tali risultati, secondo l’Istituto Superiore di Sanità questa prima indagine epidemiologica ha consentito di individuare alcune criticità nel profilo di salute delle popolazioni dei Comuni oggetto dell’analisi, che necessitano di ulteriori approfondimenti – ha aggiunto il parlamentare salernitano – La massima istituzione regionale aveva il ruolo e l’opportunità di incidere su questa realtà ed ha invece disatteso le aspettative legittime di una intera comunità, andando incontro ad un vero fallimento politico, considerando i tempi più cha abbondanti avuti a disposizione per affrontare in maniera risoluta questa tematica”, sottolinea ancora il deputato salernitano del Movimento 5 Stelle. “Abbiamo il dovere di dare seguito ad una battaglia politica per la salute, per i diritti, per la trasparenza, per il giusto riconoscimento di chi ha lottato per ottenere la verità, per la politica alta, quella votata all’esclusivo interesse dei cittadini e non all’esercizio del potere fine a se stesso. In questo momento storico va ulteriormente ribadito il concetto che non ci può essere economia senza salute”. Provenza ha annunciato che chiederà un incontro con i sindaci di Salerno, Baronissi e Pellezzano, con l’associazione Salute e Vita e con i cittadini che in questi anni hanno sofferto e subito terribilmente questa situazione: “Dobbiamo, ancor più in questo momento, offrire ai cittadini sostegno, attenzione e tutela. Il mio impegno politico-istituzionale sul tema della salute pubblica non si ferma”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->