Processi “venduti” a Salerno, nei guai il giudice Pagano

Scritto da , 18 aprile 2016
image_pdfimage_print

Il magistrato indagato è Mario Pagano, originario di Roccapiemonte, che era in servizio presso il Tribunale civile di Salerno prima di trasferirsi a Potenza dove riveste la carica di presidente di sezione civile.

Tra i reati ipotizzati a suo carico vi è quello di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, abuso d’ufficio, millantato credito, traffico di influenze illecite e accesso abusivo nel sistema informatico.

Secondo le ipotesi accusatorie il magistrato avrebbe raccolto segnalazioni in riferimento a procedimenti in corso davanti ad uffici giudiziari del Tribunale di Salerno e presso la Commissione tributaria.

A quanto si è appreso le indagini condotte dai pm di Napoli Celeste Carrano e Ida Frongillo, e coordinata dal procuratore aggiunto Alfonso D’Avino, sono scaturite da intercettazioni telefoniche

nel corso delle quali sarebbero emerse segnalazioni e raccomandazioni relative a procedimenti giudiziari.

Insieme al magistrato, esponente di spicco di Magistratura Indipendente, coinvolti nell’inchiesta anche noti avvocati civili, cancellieri, professionisti e imprenditori.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->