Precari sul piede di guerra, Oss del Ruggi scrive al Dg: “Assumeteci, serviamo ora”

Scritto da , 21 Dicembre 2020
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

“Se ti sono stato utile fino ad oggi, posso esserti utile a tempo indeterminato”. Dura presa di posizione del gruppo dei precari in servizio presso l’azienda ospedaliera universitaria Ruggi d’Aragona. A scendere in campo per chiedere al direttore generale di procedere con le assunzioni a tempo indeterminato è Rossella Curcio, Oss a tempo determinato del Ruggi di Salerno, in una lettera aperta. “Ormai i precari in Italia sono un esercito e sono coloro che permettono a tutti gli ospedali italiani di garantire i lea ed il regolare svolgimento delle cure e contribuiscono a tenere in vita tutto quello che è l’assetto ospedaliero e il sistema sanitario – ha scritto la Curcio – Nessun precario ha mai chiesto nulla, nessun precario ha mai chiesto in regalo il posto di lavoro o di essere agevolato in qualsivoglia modo particolare, i precari chiedono solo rispetto e riconoscimento dei propri diritti lavorativi e anche umani”.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->