Positano Teatro apre con un omaggio a Milva

Questa sera, alle 20,45 nell’ Anfiteatro Piazza dei Racconti, l’attesa serata inaugurale della XVIII Edizione del Positano Teatro Festival Premio Annibale Ruccello, ideato e diretto da Gerardo D’Andrea, (purtroppo recentemente scomparso), sarà dedicata ad un’artista dalla grande personalità e di eccezionale caratura internazionale, la cantante Milva con lo spettacolo “La Rossa” che vede protagoniste Antonella Morea, che con la sua straordinaria voce canterà i brani musicali del variegato repertorio di Milva, e Martina Carpi che, attraverso l’interpretazione del testo scritto da Gianmarco Cesario, ne ripercorrerà le principali tappe personali ed artistiche. Lo spettacolo sarà accompagnato, in quest’occasione, dall’ensemble musicale composta da Vittorio Cataldi (piano, fisarmonica e violino), da Luigi Fiscale (contrabbasso), da Franco Ponzo (chitarra) e Gianluca Mirra (batteria). Il Festival sarà anticipato dall’esibizione musicale del duo “acCosta acCosta” con Michele Colonna e Nino Apreda che insieme ad un gruppo di giovani in abiti folcloristici, partendo da Via Pasitea, alle 19,30, coinvolgerà cittadini e turisti dando il benvenuto al pubblico del Positano Teatro Festival. “È importante per noi portare a compimento questa edizione della manifestazione programmata col caro Gerardo D’Andrea che l’aveva fortemente voluta, e all’indomani del lockdown l’aveva organizzata fin nei minimi dettagli. È il modo più giusto per ricordarlo: per lui Positano ed il Festival erano tutto, e a noi la sua assenza pesa come un macigno, perciò far continuare a vivere il suo festival e come riportare lui ancora tra noi”, dichiara il sindaco di Positano, Giuseppe Guida. “Raccontare un personaggio eclettico come Milva, una delle poche artiste italiane che è riuscita a coniugare classe, cultura e gusto popolare, non è facile, e ancor meno lo è raccontare la Milva donna. Così, per questo appassionato omaggio – scrive Gianmarco Cesario – abbiamo deciso di dare parola alle sue canzoni, ai poeti dei quali si è circondata, di cui il suo repertorio è ricco. Un viaggio attraverso la sua storia artistica ed umana che intende sottolineare il valore assoluto della sua arte, che attraverso la sua straordinaria forza interpretativa ha reso familiari al pubblico la creatività di Alda Merini come di Bertolt Brecht, di Astor Piazzolla come di Franco Battiato, ed ancora Giuseppe Marotta e Edith Piaf, senza dimenticare le icone pop degli anni ’60, come il nostro Don Backy e il duo Sonny & CHer. Per fare ciò abbiamo scelto due meravigliose donne che interpreteranno la sua molteplice versatilità, l’attrice Martina Carpi, che ha respirato la sua stessa aria al Piccolo Teatro di Milano, e Antonella Morea, una voce che riesce a dare ancora una volta vita alle note delle sue immortali canzoni”. Subito dopo sarà il momento del Premio Annibale Ruccello 2020 alla carriera a Milva. Quest’anno l’autore del Premio Annibale Ruccello è l’artista Gaetano Di Riso che ha realizzato un dipinto olio su tela dal titolo “La mano di quel Dio”. Nel corso della premiazione sarà trasmesso un video messaggio della figlia Martina Corgnati che ha inviato al Festival, ecco un breve stralcio: “Mia madre Milva avrebbe amato tutto di questa serata: il dipinto di Gaetano Di Riso, così raffinato e sensibile, che avete voluto generosamente dedicarle, il fatto di essere a Positano, al cuore di quella Costiera che amava insieme a tutta la cultura e la musica napoletana; e infine, avrebbe soprattutto apprezzato il fatto di essere ancora una volta vicina al suo pubblico, il pubblico a cui ha dedicato, a mio modo di vedere, le sue energie migliori e le emozioni più pure della sua vita”.