Porticciolo, i ragazzi di Giù le mani s’affidano alla Madonna che viene dal Mare

Scritto da , 6 agosto 2013

Ricorsi, colloqui, blitz a convegni e magari anche un aiuto “dall’alto”. Domenica è stata grande festa al Porticciolo di Pastena per il passaggio della Madonna che viene dal Mare e, anche in questa occasione, il comitato Giù le mani dal Porticciolo ha dato il proprio contributo, sia per quanto riguarda l’organizzazione della festa che per quanto concerne il perdurare della loro battaglia in favore del mantenimento delle caratteristiche naturali del borgo marinaro della zona orientale. Il rischio, infatti, è che con la contestata realizzazione del nuovo porto da parte della Polo Nautico, i festeggiamenti per la Madonna che viene dal Mare (e ovviamente tutti gli altri momenti di svago e ritrovo) possano diventare solo un lontano e vecchio ricordo. Per questo i giovani di Giù le mani dal Porticciolo si sono rivolti proprio a lei, alla Madonna di Costantinopoli, chiedendo un “aiuto” speciale. Hanno parlato direttamente a lei con uno striscione: “Madonna che vieni dal mare, il porticciolo aiutaci a salvare”. L’ennesimo atto a dimostrazione di quanto i residenti della zona del vecchio porto, e di Pastena in generale, tengano a quel luogo. Loro vogliono continuare, ogni anno, ogni agosto, a celebrare il passaggio della tavola della Madonna di Costantinopoli sulla sua imbarcazione, con fiori e coriandoli. Probabilmente, anche lei sarà affezionata a quel luogo, dinanzi al quale passa durante la processione a mare.
(man)

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->