Popolo della Famiglia: Adinolfi sceglie Gambardella: «Famiglia alla base di tutto»

di Marcello D’Ambrosio

Insegnante di scienze religiose del liceo scientifico Da Procida, laureato in giurisprudenza, con una tesi sul diritto comunitario, e in scienze religiose, 67anni, Alfonso Gambardella è candidato alle europee nella lista “Il Popolo della Famiglia“. Un esordio lavorativo come avvocato e collaboratore della cattedra di diritto internazionale del professore Massimo Panebianco, successivamente ha intrapreso un cammino di conversione che lo ha portato a laurearsi in scienze religiose e a cambiare tutto avviando il percorso di insegnamento della materia nella scuola. «La mia candidatura è l’esito di un percorso cominciato diversi anni fa con la mia adesione, come cattolico, al Popolo della Famiglia. Sono stato anche candidato alle scorse politiche con un discreto risultato. Sicuramente andremo in europa per parlare di famiglia, per riprendere il senso e il significato di famiglia nell’accezione della carta costituzionale. La famiglia è alla base di tutto: della società, dell’economia. Se la famiglia viene considerata come tale anche l’economia va avanti e si sviluppa in pieno. Cercheremo di riportare in Europa la visione originaria dei padri fondatori: De Gasperi, Schuman, Adenauer. Per un’Europa che metta al centro la dignità della persona. L’Europa è fatta per i cittadini, non il contrario. Ritrovare le radici giudaico-cristiane nella creazione dell’Europa. L’idea di Europa è nata con la formazione dei benedettini e i loro monasteri».