Pontida 2019,numeri da record ma flop salernitano Ernesto Sica: “Una grande emozione e forte partecipazione”

Scritto da , 15 Settembre 2019
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

Nessun autobus, in partenza da Salerno, per la Lega locale in occasione del grande raduno leghista in programma, fino ad oggi, a Pontida. Tanti i militanti del partito guidato a livello nazionale dall’ex ministro degli Interni Matteo Salvini che hanno raggiunto la festa della Lega con mezzi propri. Grande assente il segretario provinciale Mariano Falcone, segno forse che le polemiche interne al partito locale hanno in qualche modo distrutto quel senso di unità che li ha portati a raggiungere risultati inaspettati alle scorse elezioni. Presente, invece, l’ex sindaco di Pontecagnano Faiano Ernesto Sica che, per il secondo anno consecutivo, non ha perso l’occasione di incontrare il leader della Lega. «Un grandissimo entusiasmo, sono in compagnia del sindaco di Roscigno e sono tanti anche i partecipanti da Salerno», ha dichiarato Ernesto Sica. Solo lo scorso anno la Lega Salerno ha fatto registrare numeri da record con numerosi bus provenienti da tutta la provincia di Salerno. Quest’anno qualcosa sembra essere andato storto con le scorse elezioni europee che sembrano aver spaccato in due il partito guidato, a livello provinciale, proprio da Falcone. Intanto, sembra essere ancora in stand by la campagna tesseramento 2019 che doveva avviarsi proprio agli inizi del mese di settembre.

Consiglia

1 Commento

  1. Salvatore cavarretta

    16 Settembre 2019 at 07:47

    Un informazione libera è un informazione onestà, non so quale sia la sua fonte ma a mio avviso è un analisi totalmente errata. Salerno Pontida sono 900 km e con un pullman tale distanza la si percorre in circa 12 ore salvo imprevisti ed altrettante per il ritorno, quest’anno si è pensato di utilizzare mezzi più veloci per raggiungere la meta, la Campania c’era come c’era Salerno e la Provincia ed anche con grandi numeri. Se un militante preferisce un viaggio in aereo piuttosto che in treno o auto per accorciare i tempi ben venga, la lega non fa imposizioni, siamo uomini liberi ma coesi e quando occorre sappiamo farci sentire. Nessuna rottura o lotta interna, solo voglia di festeggiare in libertà in barba a chi ci vuole gli uni contro gli altri. Ripeto non so cosa abbia visto o chi abbia ascoltato per giungere a tali conclusioni romanzesche, se vuole posso fornirle materiale fotografico che attesta la viva partecipazione delle sezioni di Campagna Battipaglia Salerno e la Campania in toto. Cara Stefania Ciancio c’è più dignità ad essere un Leghista del Sud che di un parassita che vende il suo voto per 700 euro al mese. Leghista a testa alta, il mio voto è la mia dignità non si comprano.

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->