Pompei: Don Luigi Merola cede ad una “falsa promessa”

Scritto da , 9 ottobre 2015

I proclami di Don Luigi si risolvono a tavola con un pranzo, ed i questo è molto simile a tanti suoi confratelli. lui e Uliano dopo aversele dette di “santa ragione” in questi giorni, così come riportato sul nostro quotidiano, fanno la pace. Non sappiamo di quale pace si tratti, dato che Uliano aveva dichiarato che per motivi di equilibrio di bilancio, tra l’altro approvato solo dalla sua maggioranza, non poteva destinare in alcun modo alcuna somma all’associazione ” ‘A voce d’è creature”. Tuttavia siamo curiosi di conoscere l’eventuale variazione di bilancio che possa consentire di poter adempiere a tale impegno. Non ci meraviglia questo suo ulteriore impregno, perché come ha fatto fio ad ora sicuramente non lo onorera’

Consiglia