Polemiche dopo le dimissioni della D’Amico, i giovani dem attaccano: “Accuse false da parte sua”

Scritto da , 25 marzo 2017

“La Federazione dei Giovani Democratici della Provincia di Salerno, nel prendere atto delle dimissioni dalla segreteria provinciale di Roberta D’Amico e Antonio Maffeo, esprime profondo stupore per le ragioni con le quali tale gesto viene motivato”. Con queste parole il gruppo dei giovani dem rispondono alle dimissioni dell’ex segretaria provinciale: “La lettera di dimissioni pervenuta a questa Federazione, appare priva di qualunque fondamento ogni motivazione addotta dagli stessi a ragione del loro gesto – continuano – accuse completamente false. E’ un testo ingeneroso nei confronti dell’esecutivo provinciale, della direzione e degli iscritti tutti. Federazione salernitana che pure, più volte, ha “chiuso un occhio” davanti a condotte ostili e mai propositive nei confronti dell’organizzazione. Siamo davanti ad incoerenza allo stato puro. Infatti nelle riunioni della Segreteria provinciale sia Roberta D’Amico sia Antonio Maffeo hanno sempre promesso massima collaborazione, facendola spesso mancare. Oggi dopo un’ anno di lavoro si sono accorti che la stessa Federazione, che si dicevano onorati di rappresentare, ha improvvisamente incarnato un “male assoluto”. Fra l’altro i fatti da loro menzionati si riferiscono ad accadimenti di alcuni mesi fa, per cui appare inspiegabile come mai solo oggi, dopo così tanti mesi, rassegnano le loro dimissioni. Sul punto, si rileva che la Commissione di garanzia provinciale ha sì ricevuto un documento che riguarda Roberta D’Amico, ma non ha mai adottato nessun provvedimento né verso di lei, né tantomeno verso nessun altro iscritto alla Federazione, per chiara volontà politica di risolvere ogni possibile conflitto negli organismi politici della giovanile. Essendo dunque falsa ogni accusa, è facile pensare che le reali motivazioni di questo atto siano ben altre, probabilmente riconducibili a scelte che vedono la nascita di nuovo movimento alternativo al Partito Democratico e per questo motivo si auspicano, in dimostrazione della tanto decantata coerenza, le loro dimissioni da ogni altra responsabilità all’interno dell’organizzazione dei Giovani Democratici”. Infine i giovani democratici concludono: “Ciò premesso, la Federazione provinciale Giovani Democratici di Salerno rispetta il gesto di Roberta D’Amico e Antonio Maffeo, ma respinge totalmente al mittente ogni accusa rivolta ed augura un forte in bocca al lupo per il prosieguo del loro impegno politico”.

Consiglia