Poker di Re alla Reggia di Caserta

Presentato ieri mattina il cartellone di “Un’Estate da re”, giunta alla sua V edizione, allestito da Antonio Marzullo: Sir Antonio Pappano, Daniel Oren , Vittorio Grigolo e Placido Domingo, con l’eterna regina Lina Sastri e l’étoile Giuseppe Picone. Sei appuntamenti stellari con cinque concerti e un balletto, per animare la nostra piccola Versailles, tra la grande Piazza San Carlo e l’Aperia

Di OLGA CHIEFFI

Il lustro è il primo piccolo traguardo che conferma la bontà del progetto e “Un’Estate da Re”, festeggerà dal 30 luglio al 13 settembre con sei prestigiosi appuntamenti la sua quinta edizione. Antonio Marzullo ha scelto i suoi re e la sua corte in quest’anno speciale, per un’estate che dovrà traghettarci all’autunno con l’apertura dei teatri. Una soluzione deve essere trovata anche per i massimi di Salerno e Napoli, se ne discuteva con Daniel Oren, splendido protagonista all’Arena del Mare del capoluogo salernitano, poichè la musica si fa in sala. Il governatore Vincenzo De Luca lo sa e si evince dalle sue dichiarazioni “In questo anno così difficile abbiamo deciso di puntare ancora di più sul turismo culturale, che è stato particolarmente colpito dalla pandemia. È un segnale forte che intendiamo dare perché è dalla cultura e che può e deve continuare il nostro cammino di sviluppo e di ripresa su tutti i fronti”.  Qualche teatro ha già trovato il modo, come la Fenice di Venezia, si suona in platea, alcune sedute sono anche in palcoscenico, trasformato in una grande nave, con cui riprendere un viaggio interrotto, ormai, da troppo tempo o il Rossini Opera Festival, con l’Orchestra anche lì fuori buca, cantanti in palcoscenico e pubblico nei palchi. Il cartellone presentato ieri mattina a Palazzo Santa Lucia, prevede sei appuntamenti che, sebbene riservati a una platea ridotta dalle misure anticovid 19, saranno accessibili a tutti con le riprese di Rai Cultura e fruibili in diretta su Radio3. “Un’ Estate da Re” vede anche quest’anno un’intensa collaborazione tra il Teatro di San Carlo di Napoli e il Teatro Verdi di Salerno, con la partecipazione dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia. Si inizia il 30 luglio con “Omaggio a Beethoven” di Sir Antonio Pappano che dirige l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa   Cecilia, nella sua interpretazione della Sinfonia n. 5 in do minore op. 67 e della Sinfonia n. 8 in fa maggiore op. 93. In occasione del concerto inaugurale, Enel, storico Socio Fondatore dell’ Accademia Nazionale di Santa Cecilia, sarà al fianco dell’Orchestra, illuminando la Reggia con i colori della bandiera italiana, un modo per valorizzare uno dei monumenti più belli al mondo e per rendere omaggio al nostro Paese e alla ripresa attraverso la cultura e la musica. Si continua il 3 agosto con Daniel Oren che dirigerà la “sua” Filarmonica Salernitana Giuseppe Verdi in “Summertime”, una serata che sarà incorniciata dalle più amate melodie del melodramma create da Puccini, Verdi, Bizet e affidate due stelle del gotha musicale quali, il tenore Vittorio Grigolo, il “pavarottino” e il soprano Sonya Yoncheva. Il 13 agosto sarà il carisma di una delle regine del teatro napoletano, Lina Sastri, a conquistare il pubblico con un recital dedicato al suo Maestro, Eduardo. Storie, canzoni, brani teatrali accompagnati dall’Orchestra Filarmonica Salernitana con la direzione del Maestro Antonio Sinagra, per comporre un incredibile canzoniere dove le suggestioni, le intonazioni, le evocazioni di un vernacolo, che è più una lingua che un dialetto, si trasforma in un canto ora dolente, ora euforico, capace di esprimere l’eterno incanto dei sensi, di questa fascinosa e misteriosa Partenope. Un viaggio nell’anima che si rinnoverà evocativamente, sull’onda dell’emozione, delle parole e della musica. Grande attesa per l’evento clou di questa edizione, il “Gala di Plácido Domingo” che si terrà nella piazza Carlo di Borbone, con la facciata della Reggia a fare da sfondo: il 22 agosto torna in Italia dopo anni uno dei più amati e celebri cantanti d’opera con arie e duetti da Opera e Zarzuela di Verdi, Giordano, Giménez, Moreno-Torroba, Serrano, Sorozábal, con al suo fianco l’interessante voce del soprano Saioa Hernàndez e Jordi Bernàcer alla guida dell’Orchestra Filarmonica Salernitana. A settembre protagonista di “Un’ Estate da Re ” sarà il Massimo napoletano con due appuntamenti di grandissimo livello che chiuderanno questa edizione: il 12 settembre “Arie d’Opera” con il soprano Carmen Giannattasio, il tenore Saimir Pirgu e l’Orchestra del Teatro di San Carlo diretta da Maurizio Agostini e il 13 “Le quattro stagioni di Vivaldi” con il Balletto del Teatro di San Carlo, étoile Giuseppe Picone, che impersonerà il Vento, avvolgente, mutevole, gelido, “tempestuoso”come il periodo appena superato.