Piero De Luca: “Sviluppo territorio Vallo di Diano non può prescindere dal suo patrimonio”

Scritto da , 4 Agosto 2015
image_pdfimage_print

Piero De Luca, partendo dall’analisi delle potenzialità endogene del Vallo di Diano, ha precisato che lo sviluppo di questo territorio non può prescindere dal suo patrimonio ambientale, paesaggistico e culturale.

De Luca si è anche soffermato sui temi della mobilità, della sanità, dell’agricoltura e del turismo e sulle relative criticità e potenzialità inespresse, proponendo delle possibili soluzioni che, di concerto con gli amministratori locali, si concretizzeranno in proposte da sottoporre al neo insediato Governo Regionale che ha già avuto modo di mostrare sensibilità ed attenzione alle problematiche di questa zona.

Tra le proposte avanzate da De Luca quelle di intervenire sulla classificazione operata dalla Regione Campania con il nuovo PSR 2014/2020, reinserendo i comuni del territorio del Vallo di Diano nella Macroarea con problemi complessi di sviluppo (macroarea D).

Questo tema, sottovalutato dalla precedente amministrazione regionale, potrà portare evidenti benefici per il territorio derivanti dalle opportunità finanziarie previste dal nuovo PSR Campania 2014/2020.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->