Piero contro Pietro De Luca a Salerno, Cuomo e Iuliano per Andrea Orlando

Scritto da , 11 aprile 2017
assemblea-pd

 

di Andrea Pellegrino

I renziani calano un poker di big: Piero De Luca, Giuseppe Canfora, Angelica Saggese e Franco Alfieri. Sono questi i capolista dei quattro collegi collegati alla mozione Renzi per l’elezione dei componenti dell’assemblea nazionale. Diciassette i membri democrat che la provincia di Salerno dovrà esprimere. Antonio Cuomo, invece, sarà l’esponente di punta che scenderà in campo per la mozione Orlando. Andrea Pellegrino L’altro deputato salernitano dem, Simone Valiante, conduce dall’esterno il gruppo di Emiliano. Capolista a Salerno per l’ex pm è Pietro De Luca, figlio dell’ex sindaco di Amalfi. Confermato il ritiro della lista di Umberto del Basso de Caro che, a sostegno di Renzi, avrebbe dovuto controbilanciare il peso dei deluchiani a Salerno ed in Campania, le primarie del Pd già disegnano il quadro in vista delle prossime elezioni nazionali. Per la mozione Renzi, la prima vittima politica è Sabrina Capozzolo, la deputata che ha dovuto cedere il passo al suo ex mentore agropolese che ambisce alla candidatura alle Politiche. Scende in campo, nel collegio dei Picentini, anche Andrea Volpe, primo dei non eletti in Regione Campania della lista “De Luca presidente”. Confermato Antonio D’Alessio (consigliere comunale di Salerno), espressione dell’area Iannuzzi nel collegio di Salerno città, guidato dal primogenito del governatore della Campania. Conquistano il presidente del Consiglio comunale di Cava de’ Tirreni, i suppoters del guardasigilli. A guidare il collegio “Salerno – Cava – Costiera” della mozione Orlando, sarà, infatti, Lorena Iuliano. «Nella composizione delle liste per la elezioni del Segretario e dei componenti dell’Assemblea Nazionale del Pd, – ha dichiarato il coordinatore della mozione Orlando Giuseppe D’Ascoli – oltre a rispettare l’alternanza di genere ed il principio della pari rappresentanza così previsto dalla Statuto del partito, abbiamo tenuto conto della rappresentatività sociale, politico e territoriale dei candidati nei quattro collegi della provincia di Salerno. Siamo sicuri che il risultato delle Primarie, nella nostra provincia, per il candidato alla segreteria nazionale Andrea Orlando e le liste ad esso collegate sarà certamente maggiore rispetto al risultato ottenuto durante le assemblee di circolo delle scorse settimane».

 

Consiglia