Piazza, udienza il 16 ottobre

Scritto da , 7 ottobre 2014

di Andrea Pellegrino L’udienza per il dissequestro della Piazza della Libertà è fissata per il prossimo 16 ottobre. Ad annunciarla il sindaco Vincenzo De Luca che ha presentato l’istanza di riesame, al fine di bloccare il cantiere di Santa Teresa, sequestrato dalla Procura di Salerno, all’indomani dei crolli verificatisi in alcuni settori della piazza. A quanto pare il Comune di Salerno avrebbe presentato un nuovo progetto di messa in sicurezza della struttura, seppur alla base ora mancherebbe il via libera definitivo della Soprintendenza di Salerno. Infatti, il Consiglio di Stato, oltre ad aver annullato le autorizzazione del Crescent ha dichiarato nulle anche quelle alla base del Pua di Santa Teresa, quindi anche di Piazza della LIbertà. Per De Luca, però, non «ci sono più motivi per tenerla sotto sequestro. Il tecnico che ha sbagliato il progetto ha ammesso le responsabilità e dunque anche per motivi di sicurezza è fondamentale riprendere i lavori». Tra l’altro, denuncia De Luca: «Sono state notate delle persone che saltano le transenne che delimitano il cantiere e corrono nella piazza. Pericolosissimo considerato che la piazza ha subito un cedimento. Inoltre si tratta di patrimonio pubblico che deperisce». Intanto in seguito del nuovo esposto presentato in Procura da Italia Nostra e No Crescent sull’avvio dei lavori nel tratto di collegamento tra il lungomare e la piazza, proprio al di sopra del nuovo corso del torrente Fusandola, ieri mattina il consigliere comunale di Ncd Roberto Celano ha chiesto copia del verbale dell’aggiudica dei lavori in corso. Il consigliere Celano avrebbe inoltre anche denunciato l’assenza della prevista cartellonistica al di fuori del cantiere. «Ho chiesto – dice Celano – anche la copia dell’autorizzazione paesaggistica preliminare all’avvio dei lavori di completamento di Piazza della Libertà, lotto 1».

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->