Piazza Mazzini si salva dalla vendita… per ora

Scritto da , 13 Aprile 2013
image_pdfimage_print

Il dietrofront su Piazza Mazzini almeno per ora c’è stato. L’area, infatti, non compare nell’asta bandita dal Comune di Salerno. Come annunciato dal sindaco De Luca per ora la piazza è salva. Sarà stata la protesta dell’opposizione e dei comitati, o l’ultimo ricorso firmato da circa sessanta persone, sta di fatto che il primo cittadino ha cambiato idea. «Una vittoria dell’opposizione responsabile e della cittadinanza attiva», sostiene il consigliere comunale Raffaele Adinolfi che ora chiede però che vengano modificate le delibere consiliari. «Sia chiaro – dice, infatti, Adinolfi – Piazza Mazzini resta ancora edificabile in virtù della delibera di approvazione della variante al piano regolatore approvata dal Consiglio comunale; Piazza Mazzini è ancora inserita nel piano delle alienazioni approvato dall’ultimo Consiglio Comunale, anche se ancora non è stata messa in vendita dalla Giunta. Sono serviti i manifesti informativi dell’opposizione. E’ servito il ricorso che i cittadini (che non sono né pazzi né imbecilli) sono stati costretti a presentare perché il sindaco è stato sordo alle proposte costruttive dell’opposizione. Il ricorso, però, coinvolge sia la delibera di variante al Puc che la delibera di inserimento nel piano delle alienazioni. Il ricorso riguarda tutto il piano regolatore e rende non appetibili le aree messe in vendita: nemmeno quella vicino al campo Volpe che nessun imprenditore comprerà mai in pendenza di causa». «Chiediamo, perciò – conclude Adinolfi – l’annullamento in autotutela delle due delibere impugnate, saremo responsabili e pronti a valutare serenamente, ma area per area, quali siano le scelte urbanistiche più opportune. Il sindaco, però, non faccia demagogia, faccia il bene di Salerno: un altro poco di retromarcia».

13 aprile 2013

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->