Piano di zona ambito S1: cercasi ingegnere civile

Scritto da , 11 luglio 2015
image_pdfimage_print

NOCERA INFERIORE. Cercasi ingegnere civile per il Piano di Zona. Dopo le dimissioni Michele Strianese, ingegnere di San Valentino Torio e sindaco del suo Comune, il coordinamento del piano di zona costretto a rifare una manifestazione d’interesse per selezionare un ingegnere civile. Nella determina del coordinamento si legge: «L’Ufficio di Piano attualmente risulta sprovvisto di tale figura, a seguito delle dimissioni presentate dal precedente Collaboratore. Lo scorso 1 luglio è stata effettuata la ricognizione presso i Comuni afferenti volta ad individuare personale da distaccare presso l’Ufficio di Piano in possesso dei requisiti professionali richiesti. Tale ricognizione ha avuto esito negativo e quindi si rende necessario procedere alla selezione di un Ingegnere Civile in affiancamento al Rup a cui affidare un incarico ad alto contenuto professionale». Il tecnico dovrà occuparsi di attività di consulenza ed assistenza tecnica agli operatori sociali sulle procedure per il rilascio dei titoli abilitativi, della partecipazione alle sedute della commissione per le autorizzazioni al funzionamento, accreditamento, vigilanza e controllo sui titoli abilitativi, sopralluoghi tecnici nelle strutture sociali in fase di rilascio del titolo abilitativo e per la vigilanza e controllo; del supporto tecnico per la valutazione dei requisiti specifici delle strutture e dei servizi sociali territoriali con riferimento agli avvisi e ai bandi predisposti dall’Ufficio di Piano per l’accreditamento dei servizi Ada e Adi, prima infanzia, trasporto sociale, ed altri servizi sociali territoriali; del supporto tecnico per attività di programmazione di piani di intervento per servizi di cura per l’infanzia e gli anziani (ad esempio: fondi per realizzazione opere pubbliche a valersi sui fondi Pac–Programma nazionale di azione e coesione dei servizi di cura per anziani ed infanzia); programmazione di schede di intervento per opere strutturali a titolarità pubblica e validazione dei progetti definitivi ed esecutivi di opere pubbliche di tipo sociale destinate alla prima infanzia e agli anziani; monitoraggio e controllo delle fasi di realizzazione dei lavori e di rendicontazione della spesa di opere pubbliche di tipo sociale, con riferimento ai sistemi informativi generati dal Ministero dell’Interno per la verifica dei Pac. Il compenso è di 24mila euro per un anno.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->