Perseguita la commessa, subito a processo

Verso il giudizio immediato un 37enne sarnese finito nelle mira della giustizia tre mesi fa per aver perseguitato una giovane commessa. Lo ha chiesto la procura nocerina avendo gli inquirenti raccolto prove schiaccianti nei suoi confronti. Pedinamenti, telefonate ad ogni ora del giorno e della notte avevano fatto da sfondo a una vicenda che aveva portato la vittima a una denuncia nei confronti dell’uomo. Una situazione che aveva creato alla giovane donna (una 28enne) un profondo stato d’ansia. Lo stalker in passato era già stato destinatario di un ammonimento e del divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla giovane donna, aveva reiterato gli atti persecutori nonostante la misura comminata dal giudice . All’ennesimo episodio di voler infastidire la barista, l’uomo- dopo la denuncia presentata dalla donna- era stato bloccato dai carabinieri. Il 37enne è stato anche sottoposto al rito speciale del giudizio per direttissima innanzi al Tribunale di Nocera Inferiore. Il giudice , qualificando il caso come una fattispecie di “stalking” oramai consolidata, aveva comminato un ulteriore misura di sicurezza detentiva al fine che non potesse più arrecare nuovi fastidi alla commessa sarnese. Ora la Procura di Nocera Inferiore per lui ha chiesto il processo dopo aver raccolto prove schiaccianti nei suoi confronti: deciderà il Tribunale se accogliere l’istanza intanto lo stesso 37enne potrà scegliere se optare per un rito alternativo a quello ordinario nel caso in cui si decidesse per il giudizio immediato.