Perrone, Lotito e la stretta di mano

Scritto da , 5 giugno 2013
Tante ipotesi, poche le certezze, al momento, sul futuro della Salernitana. Chi si aspettava che qualcosa potesse già emergere sulla stagione calcistica che verrà ha dovuto, almeno per il momento, segnare il passo. Ma, crediamo, sia una cosa logica perchè sbandierare fin da ora ai quattro venti cosa si vorrà fare, spesso è deleterio. Perchè si rischia di fare un buco nell’acqua. Invece operare sotto traccia, come si dice spesso, è la migliore cosa possibile. Soprattutto quando si trattano calciatori il cui prezzo o l’ingaggio potrebbe lievitare perchè è appetibile, magari, da diverse squadre.
Ma tra le certezze c’è la riconferma di Carlo Perrone per il terzo anno consecutivo alla guida della squadra granata. Non circolano nomi di presunti tecnici che è accaduto lo scorso anno. Oggi il fatto di Perrone sulla panca granata è acclarato da tempo. Non è stato firmato nessun contratto ancora ma la posizione dell’allenatore laziale alla Salernitana è saldissima. D’altro canto non si vince per due anni di seguito se non si hanno grandi capacità. E Perrone le ha dimostrato tutte puntellando a dovere quella panchina con la riconferma, va detto, mai messa in discussione da Lotito e Mezzaroma. Per mettere nero su bianco c’è tempo. Oggi vale solo una stretta di mano. Poi a breve ci sarà l’incontro con Perrone e si tracceranno le linee guida per la prima divisione, cercando di allestire, come spera la tifoseria, una squadra competitiva. Susini e Mariotto, gli altri due riconfermati dell’area tecnica, hanno già iniziato una serie di trattative con procuratori di calciatori anche di categoria superiore per cercare di portare a Salerno gente motivata ed in grado di poter fare, come si spera, la differenza. Anche se poi le considerazioni finali le faranno i proprietari del club in accordo con il tecnico Perrone che dovrà avallare le scelte che saranno fatte.
Un’altra certezza che potrebbe venir fuori in questi primi giorni del mese di giugno è la data del ritiro pre campionato. Perrone, a quanto sembra, ha dato il suo placet per iniziare la preparazione il prossimo 15 luglio. In  quale località non si sa ancora. Si stanno valutando varie opzioni, in Umbria o in Toscana ma certamente non si punterà sul ritiro dello scorso anno a Nocera Umbra che iniziò il 21 luglio con calciatori che arrivarono, poi,  anche a preparazione iniziata. Perrone ci tiene molto. però. a portare in ritiro, da subito, tutti coloro che firmeranno il contratto prima della partenza per il ritiro estivo che dovrebbe durare quindici giorni prima di rifinire la preparazione per iniziare con il piede giusto le eliminatorie della Coppa Italia Tim.
Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->