Perrone: “Dovevamo essere più cinici”

Scritto da , 12 maggio 2013

E’ molto rammaricato Carlo Perrone per la pesante sconfitta maturata sul campo del Teramo. Un ko tanto netto quanto inutile ai fini della classifica ma che comunque brucia al trainer: “Sono davvero arrabbiato per la prestazione. Non è possibile andare in vantaggio, sfiorare più volte il raddoppio e poi incassare il gol del pareggio in contropiede e nell’ultima azione del primo tempo. Nella ripresa è successo di tutto e i ragazzi, tra infortuni e sospensione, hanno preso altri tre gol. E’ su l’ultimo, anche quello arrivato alla fine del tempo, che dovevamo essere più attenti. A me non interessa che abbiamo vinto il campionato, oggi contava fare altri tre punti ed onorare il campionato”. Perrone poi fa il punto della situazione sugli infortuni: “Tuia è uscito per un colpo, Giubilato ha subito un guaio al flessore mentre Iannarilli ancora una volta è stato vittima della sfortuna”. Ora in Supercoppa ci sarà la Pro Patria: “Per fortuna la gara di oggi non è stata rinviata altrimenti ci avrebbe creato problemi nell’ottica della Supercoppa. La Pro Patria è la squadra con maggiori qualità, sarà una bella finale”.

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->