Pazza Salernitana, i granata battono l’Aversa 4-3

Scritto da , 14 Settembre 2014
image_pdfimage_print

di Marco De Martino

SALERNO. Una pazza mattinata quella trascorsa all’Arechi dalla Salernitana che va sotto per due volte di due gol con una Aversa Normanna bella ed ordinata, poi rimonta e vince grazie agli ingressi di Favasuli, Negro e Mendicino ed ad una super prestazione di Nalini che firma tutti e quattro gli assist per i gol. Finisce 4-3 per i granata con Menichini che esce tra i fischi e Novelli e la sua squadra tra gli scroscianti applausi degli ottomila spettatori dell’Arechi.

LA CRONACA Al 3’ Nalini innesta il turbo, supera in slalom tre avversari e calcia in diagonale di sinistro da posizione decentrata. La palla termina al lato. Due minuti dopo è Bianchi, sugli sviluppi di un corner, a sfiorare il vantaggio con un colpo di testa  respinto d’istinto da Forte. Sembra il preludio al gol della Salernitana ed invece arriva il vantaggio dell’Aversa. Cicerelli prende palla dalla sinistra, s’accentra e lascia partire un tiro potente ma non irresistibile. Gori s’addormenta, non si tuffa nemmeno mentre osserva la palla che va ad insaccarsi alle sue spalle. L’Aversa si porta così clamorosamente in vantaggio all’Arechi. La Salernitana, subito il gol, prende in mano il pallino del gioco ma la sua manovra risulta stucchevole, prevedibile ed innocua tanto che di occasioni non se ne vedono. Calil è un pesce fuor d’acqua, Gabionetta un ectoplasma, Volpe è impresentabile, Franco e Colombo crossano sempre tra le braccia di Forte e Nalini sparisce dal campo. La prima frazione così termina blandamente sul vantaggio dell’Aversa.

Al rientro dal riposo Menichini cambia modulo: dal 4-3-3 al 4-2-3-1 con Mendicino al posto di Castiglia. Volpe e Pestri sono i mediani con Calil che arretra sulla linea della trequarti. La reazione della Salernitana è però solo emotiva ed a parte qualche mischia non succede nulla dalle parti di Forte. Qualcosa succede invece dalle parti di Gori, con Cicerelli che su punizione sfiora il raddoppio. La palla calciata magistralmente incoccia il palo esterno alla destra del portiere granata e termina fuori. Menichini così tenta la carta della disperazione: fuori Calil, dentro Negro. Il gol però lo trova ancora una volta l’Aversa con De Vena che si beve, forse anche con un fallo, Bianchi punta Trevisan e con un sinistro non irresistibile fa secco un Gori ancora in letargo. Il raddoppio scuote i granata che dopo sessanta secondi accorciano grazie ad un bel destro a giro dall’interno dell’area di rigore. L’inizio di una possibile rimonta? Assolutamente no, perché ancora Cicerelli con una conclusione alla Del Piero a fare secco per la terza volta Gori. Cinque minuti dopo è ancora Negro a riaprire il match grazie ad un pallonetto che finalizza un bel  assist di Nalini. La girandola delle emozioni continua: sessanta secondi e Nalini pennella sulla testa di Mendicino la palla del 3-3. Ancora un minuto e Mendicino sfiora ancora il gol, ma il suo colpo di testa è miracolosamente deviato in corner da Forte. La Salernitana è un fiume in piena: al minuto 80 è Gabionetta a divorarsi il gol del sorpasso con un colpo di testa che finisce a lato. All’88’ la svolta: Nalini se ne va di nuovo sulla destra, crossa al centro dove arriva Mendicino che firma il gol del sospirato sorpasso con una botta che prima di entrare in porta fa la sponda con la traversa. Per SuperMendo doppietta, per Nalini quarto assist di giornata. L’emozione finale la riserva Gabionetta che al 93’ si procura un rigore, s’infortuna, va a calciare zoppo e getta alle ortiche il possibile 5-3. La Salernitana però porta a casa i tre punti e, visto come si era messa la partita, è davvero grasso che cola.

SALERNITANA-AVERSA NORMANNA 4-3

SALERNITANA (4-3-3): Gori; Colombo, Bianchi, Trevisan, Franco; Castiglia (46’ Mendicino), Pestrin, Volpe (71’ Favasuli); Gabionetta, Calil (61’ Negro), Nalini. A disp.: Russo, Lanzaro, Tuia, Giandonato. All. Menichini

AVERSA NORMANNA  (4-3-3): Forte; Spessato, Giovannini, Cardinale, Pippa (90’ Forino); Cardore, Zaine, Papa; Cicerelli (86’ Muro), De Vena, Carbonaro (81’ Ndiaye). A disp.: Savelloni, Scognamillo, Panatti, Gattoni. All.: Novelli

ARBITRO: Amoroso di Paola (Benedettino\Argentieri)

MARCATORI: 6’  e 69’ Cicerelli, 66’ De Vena, 68’ e 74’ Negro, 76’ e 88’ Mendicino

NOTE: Spettatori circa 8.017 (inclusi abbonati) di cui una trentina da Aversa. Al 93′ Gabionetta fallisce un calcio di rigore. Ammoniti Trevisan, Bianchi, Cardinale, Pestrin. Recuperi 1’ e 3’

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->