Patella eletto presidente dei Medici per l’Ambiente

Scritto da , 19 Settembre 2022
image_pdfimage_print

ieri, a Capaccio – Paestum, presso il NEXT Nuova Esposizione ex Tabacchificio di Paestum, si sono conclusi i lavori del Congresso Internazionale”One Health Paestum 2022” nella sei giorni di Capaccio-Paestum oltre 300 delegati si sono susseguiti duranti i lavori provenienti da diverse aree del Meditarraneo ed Europee. L’evento organizzato in occasione del XVI Congresso la Società Italiana di Aerobiologia e Medicina Ambientale (SIAMA) ha eletto il medico salernitano Vincenzo Patella (Direttore UOC di Medicina Interna ad indirizzo Immunologico e Respiratorio del nosocomio di Battipaglia) afferente all’Azienda Sanitaria Locale di Sale diretta dal Direttore Generale Gennaro Sosto. Lo scambio delle consegne è avvenuto con la professoressa Emma Tedeschini dell’Università di Perugia che ha lasciato il testimone ringraziando Vincenzo Patella per aver saputo organizzare un evento dagli interessi scientifici molto importanti per la salvaguardia della salute. Interessanti eventi si sono succeduti con seminari, tavole rotonde e i particolare il Corso di Aerobiologia che ha conferito a 14 nuovi ricercatori italiani il titolo di per esercitare l’Aerobiologia di base. Questi nuovi esperti contribuiranno in tutta Italia al monitoraggio ambientale, che alla luce della crescita di sensibilità di questi ultimi anni attorno ai temi della sostenibilità e del cambiamento climatico, risulta essere una disciplina fondamentale per molte malattie ad alto impatto sociale come: il cancro, le malattie cardiovascolari e respiratorie. Riconoscere quali sono i principali indicatori che si modificano in atmosfera, come la concentrazione microbica aerodispersa, è un indice della qualità dell’aria nell’ambiente, mentre la contaminazione delle superfici può essere indicativa dell’efficacia delle procedure di pulizia e sanificazione. Ciò che accomuna l’uno e l’altro è un modello di rilevazione di dati è il valore statistico significativo ai fini del calcolo di parametri considerati nella norma. Un modello che ormai si avvale di tecnologie sempre più raffinate con cui garantire affidabilità e accuratezza nei processi di misurazione. Che si tratti di parametri biologici, chimici o fisici, il monitoraggio ambientale deve essere in condizione di metterli a confronto con quelli raccolti da diversi contesti indoor o outdoor. In questo modo il soggetto che si occupa del monitoraggio, sia esso un’azienda o un’istituzione, potrà attuare dei correttivi qualora fossero richiesti dalle evidenze emerse tramite il monitoraggio ambientale. La kermesse pestana infine si è conclusa con la acclamazione e gli Auguri di buon lavoro per il prossimo trienno al Presidente Vincenzo Patella e a tutti i componenti del direttivo Agusto Arsieni (Brindisi), Mariangiola Crivellaro (Padova), Sante Maiellaro (Bari), Francesco Perna (Napoli), Erminia Ridolo (Parma), Damarisi Selle (Belluno), Emma Tedeschini (Perugia), Alessandro Travaglini (Roma), tutti iscritti alla Società Italiana di Aerobiologia e Medicina Ambientale (SIAMA)

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->