Partecipate: «Chiarezza su debiti e crediti»

Scritto da , 10 febbraio 2015

Il riequilibrio di debiti e crediti tra il Comune di Salerno e le sue municipalizzate finisce nel mirino del consigliere comunale di Nuovo centro destra Roberto Celano. Con un’interrogazione a risposta scritta e orale indirizzata al sindaco facente funzioni Enzo Napoli ed ai revisori dei conti di palazzo di città, infatti, l’esponente della minoranza consiliare chiede lumi in merito a quello che è lo scompenso tra posizioni debitorie e posizioni creditorie tra l’amministrazione comunale e le partecipate. Un aspetto balzato agli occhi anche alla Corte dei Conti che, nei suoi rilievi, ha puntato proprio su questo. Corte dei Conti la cui pronuncia è attesa a giorni in merito ai correttivi presentati dal Comune. In particolare, Celano chiede di sapere «quali provvedimenti abbia assunto l’Amministrazione per riequilibrare le posizioni creditorie e le posizioni debitorie tra Comune di Salerno e società partecipate», sottolineando come «il Consiglio comunale, nonostante siano trascorsi un paio d’anni dal previsto obbligo di legge, non ha mai deliberato provvedimenti inerenti il riallineamento di debiti e crediti tra Comune e Partecipate che avrebbe dovuto presumibilmente comportare un riconoscimento di debito fuori bilancio». Inoltre, Celano chiede «come sia stato possibile prevedere, a fine novembre, ulteriori 2 milioni di euro per oneri straordinari e se risulta fondata l’informazione che sarebbe stata fornita in Consiglio, secondo cui tale previsione di spesa sia relativa a costi di energia risalenti a vecchie bollette, la qual cosa avrebbe potuto indurre al riconoscimento di debiti fuori bilancio».

Consiglia