Pallanuoto, A2: la Rari Nantes Salerno batte Palermo e vede i playoff

Scritto da , 24 gennaio 2015
image_pdfimage_print

Una Rari Nantes determinata, vogliosa e concentrata fa sfogare la Telimar Palermo, mette la freccia nel terzo parziale ed amministra con qualche sofferenza nel finale ma porta a casa i primi tre punti del 2015. Vittoria di platino per i giallorossi di Mario Grieco che superano proprio i siciliani in classifica piazzandosi momentaneamente al quarto posto nella graduatoria, l’ultimo utile per guadagnare l’accesso alla post-season. Grieco lancia nel sette di partenza il giovane Noviello tra i pali, Gennaro Parrilli, Donnabella, Siani, Esposito, Pica e Postiglione. La prima rete è degli ospiti con un tiro piazzato di Di Patti che non lascia scampo a Noviello. La Rari macina gioco ma trova prima la traversa e poi il palo a dire di no ai tentativi di Pica e Donnabella. Palermo, invece, è spietato e va subito sul +2 con Lo Cascio. La Rari è in partita e realizza con Esposito sfruttando l’uomo in più. Segna ancora Lo Cascio con un lob beffardo, Gennaro Parrilli replica con una conclusione sporcata da un difensore avversario che supera Sansone. Un equilibrato primo tempo si conclude con gli ospiti in vantaggio di una sola lunghezza. La seconda frazione si apre subito con Lo Cascio in rete con il giallorosso Gallozzi costretto momentaneamente nel pozzetto. La Rari reagisce, prima Sansone si supera su Postiglione, ma nulla può sulla successiva conclusione di Pasca ben imbeccato da Donnabella. Lo stesso numero due giallorosso, lasciato colpevolmente solo dalla difesa ospite, può realizzare la rete del pareggio. La Rari spreca una superiorità numerica, lo scatenato Lo Cascio la punisce riportando i siciliani avanti. Navarra ravvisa una scorrettezza di Vuolo e sventola il cartellino rosso, Grieco perde già nel secondo quarto il suo centroboa di maggiore esperienza. Palermo ne approfitta e torna sul +2 sulla successiva azione in superiorità col mancino di Zubcic. Ci pensa Esposito con un tiro rabbioso dalla distanza che sorprende Sansone a riportare la Rari a contatto (5-6) a fine secondo quarto. Il terzo si apre con un’azione insistita dei giallorossi capitalizzata da un tap-in di Pica. Postiglione con un tiro rabbioso regala il primo vantaggio ai suoi. La Rari prova ad accelerare e vola sul +2 grazie al mancino di Bernaudo, lesto a sfruttare un’azione con ben due giocatori di Puleo nel pozzetto. Giallorossi avanti di due lunghezze agli ultimi, decisivi, otto minuti. Subito una palla ingenuamente persa, però, consente a Zubcic di involarsi in controfuga e riportare Palermo a contatto. I siciliani provano con la forza della disperazione a rientrare in partita, ma Gennaro Parrilli in controfuga regala di nuovo il +2 ai suoi. Galioto realizza con l’uomo in più, Palermo è di nuovo ad una sola lunghezza di distanza quando il cronometro segna 4’ alla conclusione del match. I ragazzi di Mario Grieco mantengono lucidità e sangue freddo ed allungano nuovamente con Gennaro Parrilli, ma in difesa riescono puntualmente a complicarsi la vita e concedono a Di Patti un facile piazzato che vale il 10-9 a 2’ 40’’ dalla sirena. Ci pensa Pica proprio allo scadere dei 30’’ a realizzare il provvidenziale 11-9 a 1’ 40’’ dal termine. E’ destino che i giallorossi debbano soffrire fino alla fine. Zubcic con una palombella supera Noviello e riporta Palermo a -1 a 34’’ dalla fine. La Rari fa scorrere il cronometro, Palermo ha 5’’ per l’ultimo disperato assalto. Navarra sventola il rosso anche a Zubcic ed Esposito per reciproche scorrettezze. L’ultimo tiro di Di Patti è murato da Donnabellla, Mario Grieco può festeggiare il ritorno alla vittoria pur con qualche patema di troppo: “C’era un po’ di nervosismo, venivamo da due sconfitte immeritate per quanto prodotto – commenta il tecnico salernitano – Abbiamo portato a casa una vittoria contro una buonissima squadra che ci consente di rilanciarci nelle zone medio-alte della classifica. Palermo s’è confermato avversario di ottimo valore, oltretutto qui alla Vitale storicamente ci ha sempre creato più d’un grattacapo. Sono soddisfatto della prestazione e della classifica, ma non dobbiamo farci illusioni. Il campionato è ancora lungo e difficile e gli avversari non arretreranno d’un millimetro. Sabato a Civitavecchia affronteremo una sfida sulla carta proibitiva, ma vogliamo dimostrare di meritare questo piazzamento in graduatoria”.

TABELLINO RARI NANTES NUOTO SALERNO – TELIMAR PALERMO 11-10 (2-3, 3-3, 3-0, 3-4)

 RARI NANTES SALERNO: Noviello, Donnabella 1, Bagnoli, G. Parrilli 3, Pasca 1, Esposito 2, Bernaudo 1, Pica 2, Gallozzi, Vuolo, Siani, A. Parrilli, Postiglione 1. All. Grieco.

TELIMAR PALERMO: Sansone, Zubcic 3, Galioto 1, Di Patti 2, Fabiano, D’Aleo, Ippolito, Giliberto, Lo Cascio 4, Calabrese, Raimondo, Calò, Adelfio. All: Puleo.

Arbitri: Navarra e Piccoli.

Note. Superiorità numeriche: Rari Nantes Salerno 3/7, Telimar Palermo 4/8. Spettatori: 300 circa. Espulsioni definitive: Vuolo (RN) nel 2° tempo, Esposito (RN) e Zubcic (P) nel 4° tempo, Gallozzi per limite di falli (RN nel 4° tempo.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->