Pagani, Pd al lavoro. Calce: “Non sono candidato”

Scritto da , 24 Aprile 2013
image_pdfimage_print

 Pagani. C’è già il totocandidati a Pagani. Nel territorio dell’agro nocerino, infatti, è tanta la voglia di conoscere le persone che si rimetteranno in gioco per risollevare Pagani dopo il commissariamento. Il Pd resta, a Pagani, ancora un’incognita, per quanto riguarda il nome del candidato. Nonostante quello che qualcuno potrebbe dire in questi giorni, infatti, il Pd non ha fatto trapelare ancora nessun nome, ben consapevoli dell’importanza che la scelta richiede e della massima rappresentanza che deve essere raggiunta per fare questa scelta. Gli unici, a Pagani, a lavorare a testa bassa, con proposte ed idee, non si sono fatti spingere dentro il totocandidati, ma ne sono, lucidamente, rimasti fuori per andare avanti sulla propria strada di rinnovamento e lavoro. I nuovi democratici, infatti, sono pronti a lanciare la loro prima proposta già nel prossimo direttivo che si potrebbe tenere in settimana: la costituzione dei giovani democratici (Gd). Dopo poche settimana di lavoro, il direttivo del partito ha subito riscontrato un forte appeal politico di questo gruppo verso numerosi giovani paganesi che, volontariamente, si sono presentati alla sede di Progetto Comune con l’intento di ascoltare e contribuire al progetto di cambiamento e di positività. Proprio per andare incontro a questo interesse e per rendere concreti questi contributi, il direttivo, con il segretario Toscano in prima persona, ha ritenuto necessario mettersi a lavoro per la costituzione di un gruppo di giovani che rimane vicino al Partito, ma che potrebbe essere un nuovo modo per rafforzare il Partito stesso, già dal direttivo di questa settimana. Appeal politico del Pd che cresce a dismisura,dunque. Intanto per mettere a tacere le voci che pure si erano diffuse nei giorni scorsi, l’imprenditore Vincenzo Calce afferma: “Non sono candidato con il Pd per la carica di sindaco, il mio lavoro con il Pd è sul territorio per allargare i consensi e il rapporto con il territorio”.

Dall’altra parte del centrosinistra, invece, in Sinistra Ecologia e Libertà, nonostante gli scarsi risultati ottenuti alle primarie e alle politiche e nonostante lo scarso radicamento sul territorio, dimostrato ancora una volta dalle briciole che il partito di Vendola ha raccolto, pur avendo un candidato locale alle politiche, si continua sulla strada del vecchio e non del cambiamento : infatti pare che si continui ancora con i candidati Calabrese e Falcone, gallina vecchia fa buon brodo insomma.

Tanti nomi ancora circolano su Pagani, soprattutto per le scelte civiche; mentre per il centro destra, l’ex sindaco facente funzione , Fabio Petrelli è diventato coordinato del Pdl dell’agro nocerino e ovviamente ambisce ad una carica importante per il comune di Pagani. Come lui, anche D’Onofrio, che da sempre sogna di essere sindaco della città di Sant’Alfonso. Vicini a loro, con Fratelli d’Italia, anche Aldo Cascone e Pasquale Sorrentino.

 GIOVANI DEMOCRATICI . UN ‘IDEA CHE AFFASCINA E COINVOLGE I GIOVANI

Antonio Stanzione , uno dei giovani che in questi giorni ha spontaneamente manifestato volontà ed interesse verso la costituzione dei giovani democratici dichiara :

E’ sicuramente più apprezzabile, il nuovo partito democratico che continua  a lavorare sulle reali esigenze del paese, puntando al cambiamento e non solo ad amministrare, rispetto a tutti gli altri che continuano a fare nomi vecchi e stravecchi che ormai annoiano al solo nominarli. Rinnovamento e cambiamento è la strada che l’Italia, e anche Pagani, vuole prendere, ma, ad oggi, forse solo il Pd paganese ne ha colto in pieno lo spirito di positività. Questo è per me e per tutti i giovani che insieme a me daranno un contributo a questo prgetto , un ulteriore motivo di interesse e di entusiasmo perché per la prima volta . forse , anche la nostra presenza e le nostre idee rivestono un ruolo di primaria importanza nella scelta del futuro candidato sindaco , e non dobbiamo , per la prima volta ,  seguire imposizioni o candidature già sentenziate dalla vecchia nomenclatura. Un ruolo di attivo protagonismo che mi entusiasma e  mi stimola.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->