Pagani, ore contate per i banditi

Scritto da , 29 novembre 2014

di Giovanni Sapere

Pagani. Potrebbero avere le ore contate i due rapinatori che venerdì mattina hanno tentato l’assalto al furgone della Cosmopol che doveva consegnare 80.000 euro al Monte dei paschi di Siena in via Trotta. I militari del maggiore Enrico Calandro avrebbero individuato almeno uno dei rapinatori che hanno sparato al Corso Ettore Padovano contro i vigilantes.

Per la preparazione tecnica e la conoscenza dei luoghi, anche di fuga, si presume che i malviventi possa provenire dal napoletano. Si indaga anche su un’auto bruciata e lasciata

allo svincolo dell’autostrada A30 di Nocera-Pagani: gli investigatori stanno cercando elementi di prove che quella vettura sia la stessa adoperata dai due rapinatori per fuggire via. Un’auto che probabilmente poteva essere in attesa vicino alla scuola elementare “Manzoni”, per fuggire subito per via Garibaldi e quindi la cosiddetta Variante.

I carabinieri stanno visionando i filmati delle telecamere di videosorveglianza che si trovano nel luogo teatro della tentata rapina, l’area compresa tra il corso Padovano, via Trotta e via Garibaldi. Acquisiti i filmati di diversi impianti di sicurezza, a partire da quello delle banche della zona, del supermercato e di altri privati.

I due malviventi, infatti, sarebbero arrivati poco prima delle 11 e con il volto coperto dal casco si sarebbero accovacciati dietro ad alcune fioriere del supermercato. Incredibilmente nessuno li ha visti (o li ha voluti vedere).

Alle 11, l’arrivo del furgone della Cosmopol. I due vigilantes sono scesi dal mezzo con altrettanti plichi che contenevano circa 80 mila euro da consegnare alla filiale della Monte Paschi di Siena di via Trotta. Mentre le due guardie giurate stavano attraversando la strada per arrivare alla banca, distante meno 100 metri, sono usciti sparando da dietro le fioriere i due rapinatori che, incuranti della strada affollata, hanno esploso diversi colpi per intimidire i due agenti. I vigilantes, però, hanno risposto al fuoco e ne è seguito un conflitto a colpi di pistola e di un mitra che avevano con loro. Mentre si è scatenato il fuggi fuggi generale, le due guardie giurate sono riuscite a risalire sul furgone che è scappato verso la caserma dei carabinieri. Nel frattempo, i due rapinatori sono scappati per via Trotta e hanno salito le scale verso la scuola e via Garibaldi, dove li avrebbe attesi probabilmente un complice.

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->