PAGANI. La politica locale in subbuglio. E largo ai nuovi assessori

Scritto da , 1 dicembre 2015

PAGANI. Una riunione delle assise rovente e ricca di polemiche quello di ieri mattina presso l’aula consiliare di via Tenente Pittoni dove la questione Forum dei Giovani e l’approvazione dell’Assestamento Generale di Bilancio per l’Esercizio 2015 ha visto, in due diverse occasioni, polemiche e scontri prima con il consigliere comunale di minoranza Angelo Grillo e poi con i consiglieri di Fratelli d’Italia. Al loro arrivo in aula, il sindaco Salvatore Bottone e i suoi amministratori hanno trovato Grillo e i membri del comitato promotore del Forum dei Giovani occupare diversi scranni come forma di protesta contro l’esclusione dei ragazzi alle prossime elezioni che stabiliranno il nuovo presidente e il consiglio. In particolare, Grillo aveva chiesto nelle scorse settimane la discussione del punto all’ordine del giorno attraverso un’interrogazione consiliare ma nell’interrogazione il presidente del consiglio comunale Antonio Donato (per concitazione) ha omesso la discussione su interpellanze e interrogazione. Troppo pochi cinque giorni per la presentazione delle liste con i venti candidati previsti: <<Restringendo in questo modo i tempi per la presentazione delle liste si restringe, di fatto, la partecipazione dei giovani: alla sono state presentate solo due liste rappresentate dagli amici degli amici. Hanno eliminato dall’ordine del giorno del consiglio comunale la mia interrogazione>>. Chieste anche informazioni sulla possibilità di prorogare i tempi di consegna delle liste, idea difficile da applicare per questioni tecniche legate al regolamento. <<Andare incontro alle richieste di questi ragazzi significherebbe trasgredire le regole. Qualora fosse possibile sarei ben lieto di accogliere le loro istanze. Questa è solo un’esagerazione, una spettacolarizzazione politica. Con questi giovani ho già preso un impegno e ne parleremo>> ha tuonato il sindaco Bottone. I membri del comitato hanno poi ricordato la complessità delle procedure di avvio delle elezioni, reputate poco trasparenti e ingiuste nei confronti di un gruppo che oltre un anno fa ha lavorato in collaborazione con la stessa amministrazione per la riattivazione del Forum. Oltre a questo, i giovani presenti in aula hanno sottolineato che l’attuale situazione impedisce a chiunque di poter lavorare per spiegare, a chi il 18 e il 19 dicembre andrà alle urne, cosa sia il Forum dei Giovani e quali siano le attività che solitamente svolge. <<Il Forum dei Giovani deve essere un momento di confronto, di aggregazione e sinergie tra le persone della nostra parete e non solo. Avviare le elezioni a un mese dal voto senza una campagna di sensibilizzazione serve ben poco alla causa, soprattutto se questo gruppo rifondatore dovesse restare fuori per forza di cose>> ha commentato uno dei ragazzi presenti al parlamentino paganese. Nell’occhio del ciclone anche l’assessore alla Politiche Giovanili Carmela Pisani che ha dichiarato:<<Proprio con queste ragazzi, mesi fa abbiamo stilato il nuovo regolamento. Per quanto riguarda il fatto che non abbiano presentato la lista mi dispiace molto, soprattutto per il fatto che non possano partecipare a questa “competizione”. Mi meraviglio del fatto che non abbiano avuto tempo sufficiente per provvedere, tralasciando i termini di apertura dell’avviso perché le elezioni erano state spostate proprio da loro. Le altre liste erano a conoscenza dei tempi>>. Una volta convinti gli occupanti a lasciare spazio al consiglio comunale, l’amministrazione è passata alla discussione legata all’Assestamento Generale di Bilancio per l’Esercizio 2015, ma prima di arrivare alla votazione, i consiglieri di minoranza di Fdi hanno letto un nuovo documento tecnico in cui chiedevano lumi sulla situazione finanziaria del comune, sulla questione dei loculi cimiteriali e sul rischio di un possibile dissesto finanziario. Tuttavia, durante la lettura del testo, la maggioranza ha chiesto in un paio di occasioni la spiegazioni di alcuni punti della lettura ma ciò avrebbe scatenato la reazione di Fdi che ha accusato i colleghi di scarsa serietà, di porre quesiti inutili e di essersi attenuti troppo alla forma che alla sostanza della dissertazione. Con questo, gli esponenti del partito di Giorgia Meloni hanno abbandonato l’aula: una situazione simile si verificò anche in occasione dell’approvazione della delibera inerente all’igiene pubblica. Alla fine, c’è stata l’approvazione dell’Assestamento Generale di Bilancio con 16 voti a favore e tre contrari, ma i diverbi sembrano non finire.

I due assessori.

assessori pagani

assessori pagani

PAGANI. Il rimpasto della giunta sembra ormai avviato e nella squadra del sindaco Salvatore Bottone sono pronti a entrare due nuove figure: Alfredo Damiano e Francesco Contaldo. Manca soltanto l’ufficialità ma a breve l’amministrazione comunale renderà noto il nuovo assetto: Alfredo Damiano otterrà la delega alla sicurezza e alla vigilanza, mentre Francesco Contaldo sarà il nuovo assessore allo Sport, al Turismo e non si esclude che possa conseguire altre cariche. In questo caso, Contaldo riceverà incarichi rimasti vacanti da troppo tempo visto che erano legate alla figura dell’assessore decaduto lo scorso Aprile, Alfonso Marrazzo. Si attende solo che il primo cittadino e la sua amministrazione diano conferma di questo importante cambiamento, di cui si è già parlato in maniera ampia nelle passate settimane. Un rimpasto che nelle scorse settimana ha fatto molto discutere e causato polemiche anche all’interno dei singoli schieramenti in opposizione nell’ambito del Consiglio di Palazzo San Carlo.
Mauro Di Canzo

Consiglia