Pagani: danno erariale: societa’ condannata a risarcire 500mila euro

Scritto da , 13 Gennaio 2016
image_pdfimage_print

La sezione giurisdizionale per la Campania della Corte dei Conti ha condannato due soggetti originari di Pagani al risarcimento di 500mila euro in favore dello Stato, per l’illecita gestione di un finanziamento pubblico. I finanzieri, eseguendo una verifica fiscale nei confronti di una societa’ di Nocera Inferiore, operante nella fabbricazione di imballaggi plastici, avevano esaminato le operazioni finanziarie riguardanti la percezione di agevolazioni pubbliche erogate da Invitalia per iniziative imprenditoriali poste in essere nel Mezzogiorno. Si era cosi’ rilevato il mancato rispetto di una delle condizioni indispensabili per la concessione delle agevolazioni, ossia il conferimento effettivo di denaro da parte dei soci, mediante aumento di capitale sociale o tramite un finanziamento soci. Le indagini contabili e bancarie svolte dalle fiamme gialle salernitane avevano evidenziato che i conferimenti apparentemente effettuati dai soci erano stati loro restituiti dalla societa’ con una “partita di giro”, mediante operazioni di pari importo, al solo scopo di simulare il prescritto aumento di capitale sociale ed ottenere i contributi pubblici. I soggetti responsabili venivano, quindi, segnalati alla Procura regionale della Corte dei Conti per i connessi profili di danno erariale. L’organo collegiale della Corte dei Conti, sulla base dei puntuali riscontri effettuati dal nucleo di polizia tributaria della guardia di Salerno ed accogliendo le richieste della Procura regionale della Corte dei Conti, ha condannato i responsabili al pagamento all’erario di 500mila euro con addebito solidale, a titolo risarcitorio, rilevando come attraverso il ricorso a modalita’ illecite sia stata pregiudicata la regolarita’ del finanziamento ottenuto dalla societa’.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->