Paganese, contro il Pisa in piena emergenza

Scritto da , 22 febbraio 2014

E’ ancora rebus formazione in casa Paganese nonostante manchino poco più di ventiquattro ore alla sfida in programma domani al “Marcello Torre” con il Pisa. Le tante defezioni per infortuni (Marrucco, Masi e Cioffi) a cui si sommano quelle di Perrotta e Palomeque, appiedati da un turno di squalifica dopo i “rossi” del “Via del Mare”, rendono l’undici di partenza un autentico rebus. A preoccupare maggiormente il tecnico Belotti è proprio l’assenza del calciatore sudamericano sulla corsia destra del centrocampo dove, dopo la rivoluzione di gennaio che ha portato a ben tredici tagli, non ci sono valide alternative anche in virtù dell’infortunio al ginocchio che tiene ai box Iraci da oltre un mese. Il trainer cavese potrebbe così schierare Deli, seconda punta ma adattato finora come terzo di centrocampo, sull’out destro con il ritorno in campo dal primo minuto in cabina di regia di Velardi. Possibile, però, anche un’altra alternativa: mediana invariata rispetto al match di domenica disputato a
Lecce, con l’inserimento dell’adattato Toppan, schierato in quella porzione di campo già nel match con il Benevento del gennaio proprio in occasione della prima sulla panchina azzurrostellata di Belotti. Defezioni, dubbi e ballottaggi che, presumibilmente, non consentono il passaggio di modulo al tanto auspicato 3-4-3. Il brasiliano William è pronto e scalpita per una casacca da titolare come ha affermato in settimana dopo aver risolto i problemi alla caviglia ma le esigenze tattiche e di equilibrio potrebbero dirottarlo nuovamente verso la panchina. Dove, inoltre, attende una chiamata anche Carmine De Sena, attuale
capocannoniere della Paganese con quattro realizzazioni. Forti dubbi così anche nel reparto avanzato dove l’unico certo della casacca da titolare è il francese Lanteri. Meno traumatici, invece, i cambi attesi nel pacchetto arretrato dove il paganese Giovanni Tortora resta in pole per la sostituzione di Perrotta. Conferme per Monopoli e Panariello oltre che per l’estremo difensore Giovanni Volturo. Se ne saprà di più, infine, questa mattina al termine della classica
rifinitura pre gara.

Marco Orlando Ferraioli

Consiglia