Paganese, cercasi i gol degli attaccanti

Scritto da , 5 aprile 2015
image_pdfimage_print

PAGANI. Sosta pasquale propizia per la Paganese di mister Sottil che, dopo la doppia sconfitta subita ad opera delle prime due della classe Benevento e Salernitana, avrà così il tempo di raccogliere idee ed energie per il fatidico rush finale. Quello, in estrema sintesi, che poterà gli azzurrostellati a giocarsi la salvezza diretta contro le rivali più accreditate. Si comincerà da Lamezia contro una squadra, quella del tecnico salernitano Alessandro Erra, che è in leggero calo dopo una parte centrale della stagione davvero encomiabile. Per affrontare al meglio i calabresi mister Sottil potrà nuovamente contare su diverse frecce per il proprio arco, come Marruocco, Perna, Aurelio, Calamai, Baccolo e Malaccari che dovrebbero essere di nuovo abili ed arruolabili dopo la sosta. Il tecnico azzurrostellato cercherà di spronare la sua squadra soprattutto per quanto riguarda la fase offensiva. Con 28 reti all’attivo infatti quello della Paganese è il terzo peggior attacco del girone C della Lega Pro. Peggio hanno fatto soltanto Ischia e Reggina, rispettivamente ferme a quota 26 e 24. Un bigliettino da visita poco rassicurante anche perché nelle ultime settimane la Paganese è comunque andata a segno con discreta frequenza, eccezion fatta per gli ultimi due turni in cui è rimasta a secco. La quaterna all’Ischia, la rete messa a segno a Barletta e le due realizzate con il Savoia hanno leggermente incrementato una statistica comunque deficitaria. Questo perché probabilmente la Paganese non ha un bomber vero capace di raggiungere o quantomeno avvicinare la doppia cifra. Il capocannoniere è Girardi a quota 5, poi dietro di lui c’è il vuoto. Al secondo posto c’è, a quota 4 gol, Caccavallo che ha lasciato Pagani già a gennaio. A 3 c’è Deli, con Vinci e Calamai, che proprio attaccanti non sono. E proprio il contributo del reparto offensivo è quello che manca. Solo Russini e Aurelio, con 1 gol, hanno rotto il ghiaccio. Serve una svolta, e serve subito. La salvezza passa anche dagli attaccanti.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->