Omicidio Persico: tutto da rifare

Scritto da , 26 novembre 2016
vincenzo-persico-1

Omicidio  Persico,” alias Coca cola”: la Cassazione  annulla la sentenza per quanto concerne l’aggravante mafiosa. A deciderlo sono stati gli ermellini della prima sezione penale della Suprema Corte. Sentenza annullata dunque con rinvio. A rivolgersi ai giudici della Cassazione erano stati: Alberto Volpicelli, il presunto killer, difeso dall’avvocato Mario Pastorino, condannato in Appello a 19 anni di carcere; Angelo De Lucia (14 anni di reclusione), Domenico Lamberti, alias Mimmo ’a minaccia (16 anni) e Nicola Brunetto (6 anni e 8 mesi). Quest’ultimo, secondo i giudici, aveva fornito la base logistica al gruppo di fuoco che uccise Persico. Vincenzo Persico, 27enne salernitano soprannominato Enzo “coca cola” fu  ucciso due anni fa in un agguato a Montecorvino Rovella. Una storia di onore e di droga dietro l’omicidio di Vincenzo Persico. «Enzo Coca Cola», così era conosciuto, è stato ucciso per aver picchiato chi non voleva accettare di essere soppiantato nella gestione del mercato della droga. Vincenzo Persico, figlio del boss Ciro, era sottoposto all’obbligo di dimora a Montecorvino Rovella, dove è stato trucidato. Un esecuzione per punire un affronto. Secondo la ricostruzione dei fatti operata da carabinieri e procura nelle ore immediatamente il delitto,  Alberto Volpicelli dopo essere stato picchiato dalla vittima, si sarebbe immediatamente organizzato per vendicare l’affronto subito. Con una pistola semiautomatica da lui acquistata a Napoli e con la complicità di Domenico Lamberti e di Nicola Brunetto, avrebbe organizzato il raid punitivo. Quando il killer ha visto Persico dinanzi ad un chiosco della piazza dei paese non ha esitato a rincorrerlo. La vittima in sella ad uno scooter ha provato a dileguarsi. Ne è nato un inseguimento con l’esplosione di alcuni colpi d’arma da fuoco: uno ha raggiunto alla natica il 26enne salernitano, fuoriuscendo dall’inguine, un altro gli è penetrato nella schiena uscendo dal petto dopo aver attraversato gli organi vitali. Poi i due presunti assassini hanno raggiunto  un luogo isolato per disfarsi del mezzo a due ruote, dei caschi e di parte del loro abbigliamento che sono stati incendiati. Qui sarebbero stati «recuperati» da Domenico Lamberti per essere condotti al sicuro.

Consiglia

Lascia un commento

Puoi eseguire il login con Facebook

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per completare inserire risultato e prosegui * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.